Messi e i 181€ al minuto: è pura follia?

Cifre economiche sempre più oltre il limite del clamoroso, giusto arrivare a determinare estremi?

di Mario Martinelli
Mario Martinelli
(8 articoli pubblicati)
Messi nellamichevole Argentina-Haiti

Oramai è all’ordine del giorno la discussione costantemente aperta sugli ingaggi faraonici percepiti dai top player del calcio mondiale. Ultimo tra questi, il tanto chiacchierato caso di Lionel Messi, fuoriclasse argentino del Barcellona, che, come citato nell’articolo presente al link http://gazzettafannews.it/missioni/stipendi-doro-e-giusto-che-messi-guadagni-181-euro-al-minuto/, arriverebbe a guadagnare 181 euro al minuto, per un complessivo di circa 95,2 milioni di euro annui

Ora, in un mondo dove ormai ci sono molte famiglie in difficoltà e che purtroppo, faticano ad arrivare alla fine del mese, ci si chiede come tutto questo possa essere possibile, quasi fosse una presa in giro per chi, appunto, lotta ogni giorno con il massimo delle proprie energie per permettersi (o permettere, nel caso del tipico padre di famiglia) di vivere in un modo dignitoso. La stessa gente che con i propri sacrifici e il proprio tifo, permette che tutto questo percorso economico possa continuare.

In un mondo del calcio, dove ormai il "Dio denaro" è ormai a capo di tutte le decisioni, ci si chiede dove sia finito quel vecchio gioco dove a farla da padrone erano l’agonismo e la passione dei vari addetti ai lavori, con costi, spese e budget che erano sicuramente più “umani” in paragone a quanto vediamo al giorno d’oggi.

Nulla da recriminare contro il buon Lionel o tutti i “colleghi” che in ogni caso, fanno della loro passione e divertimento la loro vera e propria professione “lautamente retribuita” ed è pur vero che determinati calciatori sono ormai da considerare quasi come delle aziende umane che fanno girare immense quantità di denaro con sponsorizzazioni e merchandising, ma col passare del tempo ci si chiede dove si andrà a finire, con questo ritmo da capogiro che si sta costantemente evolvendo….

… Alla faccia del calciatore dilettante, che riesce ad ottenere il 50 euro di rimborso spese, o del collega amatoriale, che spesso e (mal?)volentieri paga di tasca sua per divertirsi nel sempre emozionante rettangolo verde.

Fonte: l'autore Mario Martinelli

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.