Maglie come bandiere: la Coppa del Mondo si veste di rosso

L’origine dei colori delle squadre nazionali [seconda parte]

di Marco Fiammetta
Marco Fiammetta
(78 articoli pubblicati)
Lap Of Honour

La nazionale di calcio rappresenta un popolo. L’identificazione con la propria nazione è dimostrata anche dai colori delle divise che, molto spesso, sono ispirate dalle bandiere nazionali, con rare eccezioni. Concludiamo il nostro viaggio fra i colori della Coppa del Mondo [qui trovi la prima parte: http://gazzettafannews.it/calc... ] seguendo un filo rosso che ci guiderà durante il percorso.

La Spagna fece il suo esordio internazionale nel 1920 in occasione dei giochi olimpici di Anversa. Per la maglia da gioco, fra i due colori della bandiera nazionale, il comitato olimpico scelse il rosso mentre il giallo venne utilizzato solo per lo stemma sul petto. Alla fine degli anni trenta, durante la guerra civile, il rosso venne sostituito con il bianco. Poi, fino al 1947, la nazionale spagnola giocò con una divisa completamente blu. In quell’anno le Furie Rosse tornarono ad indossare la maglia originaria mantenendo i pantaloncini blu (alternati, negli anni, con una tonalità più chiara). Come la Spagna anche la Corea del Sud e la Costa Rica giocano in maglia rossa e pantaloncini blu. La fascia bianca sulla maglia dei centroamericani rappresenta il terzo colore della bandiera nazionale. 

Anche le bandiere di Serbia e Panama sono, come quella della Costa Rica, bianche, blu e rosse, ma le rispettive nazionali giocano solitamente in completo rosso facendo un uso marginale degli altri due colori. Come nel caso del Belgio: il giallo e il nero, presenti nella bandiera, trovano poco spazio sulla divisa dei Diavoli Rossi

Nella divisa rossa del Portogallo, invece, il verde colora i calzettoni. I colori del Portogallo li ritroviamo in Marocco. Al centro della bandiera rossa campeggia una stella verde: nella divisa dei Leoni dell’Atlante il rosso colora maglia e calzettoni, mentre i pantaloncini sono verdi.

Come già visto in precedenza, bianco, blu e rosso sono fra i colori più presenti nelle bandiere e, di conseguenza, anche nelle divise delle nazionali. Come nel caso della squadra ospitante: nel 1992, dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, la Russia scelse come colore principale della divisa il bianco. Nel 2006 si decise di sostituirlo con il rosso mantenendo il bianco per i pantaloncini. Anche la Danimarca e la Svizzera giocano in maglia rossa e pantaloncini bianchi: i due colori delle rispettive bandiere. 

Anche la maglia dell’Egitto ripropone i tre colori principali della bandiera: la maglia è principalmente rossa, i pantaloncini bianchi ed i calzettoni neri. L’attuale colorazione della divisa dei Faraoni, però, ha origine nel 1959. Prima di allora, infatti, la bandiera era verde con mezzaluna e stelle bianche e, di conseguenza, anche la maglia da gioco era verde bordata di bianco, mentre i pantaloncini erano bianchi. Con questa divisa la nazionale egiziana si presentò in Italia per la Coppa del Mondo del 1934.

Curiosamente l’evoluzione della maglia della nazionale egiziana ricorda, in maniera inversa, quella del Messico. Anche la nazionale centroamericana veste i colori della propria bandiera: maglia verde, pantaloncini bianchi e calzettoni rossi. Ma prima del 1958 la maglia da gioco della nazionale Tricolore era proprio rossa! Anche la Nigeria gioca in maglia verde, mentre il secondo colore della bandiera è rappresentato dai pantaloncini bianchi.

Indossano la bandiera nazionale anche Francia (maglia blu, pantaloncini bianchi e calzettoni rossi), Islanda (divisa blu con bianco e rosso presenti sulla maglia) e Svezia (maglia gialla e pantaloncini blu).

Delle loro bandiere biancorosse Perù, Polonia e Tunisia hanno preferito scegliere il bianco come colore principale. Nel caso della nazionale sudamericana la fascia diagonale rossa ne fa una delle maglie più facilmente riconoscibili. Prevalentemente bianca anche la divisa di Arabia Saudita, Iran e Senegal. E quella dell’Inghilterra che ha, però, un legame profondo con un altro colore: con la maglia rossa, infatti, ha conquistato la Coppa del Mondo del 1966.

Fonte: l'autore Marco Fiammetta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.