Luci a San Siro non ne accenderanno più?

L'ipotesi della costruzione di un nuovo impianto a Milano si fa largo ma la riflessione deve essere molto attenta

di Leandro Malatesta
Leandro Malatesta
(124 articoli pubblicati)
AC Milan v F91 Dudelange - UEFA Europa L

Cicerone diceva che "la memoria è tesoro e custode di tutte le cose" e ogni giorno possiamo anche noi sperimentare l'importanza del ricordo. Uno stadio come quello di San Siro è di per se un enorme raccoglitore di piccole e grandi storie che hanno contribuito in modo fondamentale alla costruzione della memoria calcistica collettiva italiana e non solo. Se la "Scala del calcio" dovesse essere abbattuta per far posto ad un nuovo impianto (come si discute in questi giorni) è chiaro che il processo di distruzione sarebbe sì "materiale" ma non potrebbe mai scalfire il lato "sentimentale" divenendo così importante offrire una nuova casa ai ricordi legati a San Siro.

Un luogo che è fonte di ispirazione per generazioni di calciatori, tifosi o semplicemente per chi lo abbia visto anche una sola volta dal di fuori andrebbe tutelato in ogni modo possibile. Lo stadio milanese è per molti un posto dell'anima e il suo abbandono andrebbe valutato bene, visto che forse la soluzione migliore sembrerebbe poter essere quella di una sua riqualificazione piuttosto che una "distruzione". Ma se ancora una volta la "ragion del cambiamento" dovrebbe avere la meglio sulle ragioni del cuore ecco che l'idea di trasferire la memoria di San Siro in un eventuale museo costruito e dedicato ad hoc potrebbe essere una modalità di "addio dolce".

Trasferire l'intera storia di uno stadio mitico come quello in oggetto non è affar semplice ed un museo non potrebbe mai contenere e riproporre quelle sfumature emozionali che solo l'esperienza diretta hanno saputo regalare ma tutto ciò però non può essere giustificazione per non provarci  ed oggi giorno le tecnologie esistenti sono in grado di far rivivere certe sensazioni ad esempio attraverso le immagini o gli ologrammi video. Partite leggendarie, campioni dal talento immenso e trofei alzati al cielo di Milano hanno reso San Siro un palcoscenico di assoluto livello mondiale ed è per questo che nell'eventualità di una calata di sipario si ha il dovere della conservazione e del mantenimento della memoria.

In un mondo frenetico e spinto sempre verso il "nuovo" dire addio alla tradizione è capitato un po' ovunque, ad esempio in Inghilterra dal 2003 hanno detto addio persino ad Wembley sostituendolo con un nuovo impianto ma nel cuore degli inglesi il vecchio impianto conserva sempre un posto speciale visto che certe sensazioni si impigliano nell'anima e non ci abbandonano. Aver cura del passato è il compito che ogni generazione deve compiere con grande attenzione e per questo la riflessione sul futuro di San Siro deve essere scevra da ogni retorica e al tempo stesso però tener conto del futuro che sarà.

AC Milan v Arsenal - UEFA Europa League
Fonte: l'autore Leandro Malatesta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.