A Losanna il Milan ritrova l’Europa

Il Tas annulla la sentenza Uefa del 28 giugno e riammette il club rossonero in Europa League

di Jacopo Sansuini
Jacopo Sansuini
(28 articoli pubblicati)
Leonardo Bonucci

Elliot segna il primo gol della sua storia milanista. Il Tas di Losanna infatti ha ribaltato la sentenza del 28 giugno scorso redatta dall'Uefa che estrometteva il Milan, a suo tempo ancora controllata da Mister Li, dalla prossima Europa League. Questo uno stralcio del comunicato ufficiale.  Ovviamente tale misura non potrà più essere quella pesantissima dell'esclusione dalla prossima Europa League, ma più probabilmente un' ammenda, o dei restringimenti per le prossime sessioni di mercato. 

Sembra passata una vita da quel 28 giugno, è forse nella sostanza per i Milan è proprio così. Già perchè il club che si presentò all'udienza Uefa era un club debole sotto molti punti di vista e vulnerabile già nella figura del suo proprietario. Yonghong Li ed il suo staff infatti non riuscirono a convincere l'Uefa della bontà del progetto ma soprattutto non riuscì a dare prova della solidità e della lungimiranza economica e finanziaria del club sotto la sua gestione. L'Uefa ci vide lungo con  l'imprenditore che di li a breve  non riuscirà a rimborsare il fondo Elliot perdendo di fatto il controllo della società rossonera. Ma non tutti i mali vengono per nuocere. Di li a pochi giorni infatti il fondo statunitense prenderà il controllo della società, facendo da subito capire che il Milan non era solo una questione di affari, dichiarando di voler mantenere la gestione del club per almeno tre anni. 

Il passo indietro di Mister Li (indagato dalla procura di Milano per false comunicazioni sociali) e l'impegno del fondo Elliot, sono stati gli elementi decisivi e determinanti che hanno permesso al Tas di ribaltare la sentenza Uefa. Ora per il Milan, scampata la paura, si apre un'altro fronte, decisamente più allegro ed intrigante, quello del calcio mercato. Capitan Bonucci, che dopo la sentenza Uefa era già con le valigie pronte destinazione Parigi, ora sembra più orientato nel rimanere a Milano. Non è comunque detto che uno dei big tra cui Suso e Donnarumma possa partire per fare cassa e puntare al quel centravanti di livello internazionale che ai rossoneri manca armai da troppo tempo . Al primo posto della lista dei desideri c'è sempre lo spagnolo Morata, sposato con la bella italiana Alice Campello dalla quale aspetta due gemelli e che verrebbe di corsa a Milano. 

La prima pietra della ricostruzione è stata posata, ora il Milan spera in un futuro sereno, sia dal punto di vista societario che sportivo.   

La sede del club rossonero
Fonte: l'autore Jacopo Sansuini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.