L’impresa dello Zenit sulla Dinamo Minsk (parte 3)

Lo Zenit San Pietroburgo vince 8-1 e resta in Europa League rimontando uno svantaggio di 0-4 all'andata contro un avversario storico: la Dinamo Minsk

di Davide Manca
Davide Manca
(438 articoli pubblicati)
PAOK FC v FC Dinamo Minsk - UEFA Europa

Il 1960 segna una rivoluzione nel calcio nazionale: il Partito Comunista decide di ammettere una rappresentante per ogni Repubblica nella prima divisione del calcio sovietico. Dalla seconda serie sono promosse Avangard Charkiv (Ucraina), Spartak Minsk (Bielorussia), Spartak Erevan (Armenia), Nefjanik Baku (Azerbaigian), Spartak Vilnius (Lituania), Daugava Riga (Lettonia), Paxtakor (Uzbekistan) e Qayrat (Kazakistan). Non sono dimenticate Estonia e Moldavia: Kalev Tallinn e Moldova Kishinev giocano in prima divisione. La seconda divisione è stravolta, arrivano squadre da ogni città, alcune sono fondate attorno a quell'anno, altre partecipano per la prima volta a un torneo sovietico ufficialmente riconosciuto. Il calcio arriva anche nelle provincie più sperdute dell'Unione. E il successo della Nazionale al campionato europeo dello stesso anno, alimenta l’espansione di questo sport.

Lo Spartak cambia nome in «Bielorussia Minsk», poi nuovamente in «Dinamo Minsk», continuando a ben figurare in campionato: Mustygin (1967) e Malafeeŭ (1971), quest'ultimo principale artefice dei successi del club e figura chiave anche in futuro, vincono la classifica marcatori del campionato sovietico e la squadra coglie diversi successi di rilievo: nel 1963 la Dinamo Mosca perde due volte il confronto.

Contemporaneamente, a Leningrado lo Zenit continua a militare nella massima divisione cogliendo anche buoni piazzamenti, pur sfiorando la retrocessione in qualche occasione: nel 1967 arriva ultimo in campionato. Sarebbe retrocesso, ma il Partito Comunista decide di salvarlo:  «non sarebbe opportuno far retrocedere una squadra di Leningrado nel cinquantesimo anniversario dalla rivoluzione d’ottobre». Perché? Perché da Leningrado, all'epoca ancora capitale della Nazione, nacque la rivoluzione d'ottobre. Politicamente, la città è fondamentale, va controllata.

Lo Zenit si salva, ma rischia la seconda serie ancora diverse volte a inizio anni settanta. Nello stesso periodo, per la Dinamo Minsk inizia un nuovo ciclo di retrocessioni e promozioni terminato nel 1979, quando la squadra si stabilizza in prima serie. Nel 1980 lo Zenit è terzo in campionato, debutta in Europa: gioca la Coppa UEFA 1981/82, frenato subito dalla Dinamo Dresda. L’anno dopo rischia la retrocessione.

1982: accade quello che non può essere previsto. Solo nel 1972 e nel 1980, la Dinamo Minsk è arrivata davanti alla Dinamo Mosca – in seguito a due pessime stagioni del club capitolino – nel 1982 invece vince il campionato, battendo proprio la squadra del KGB alla prima giornata, 1-0. Minsk supera tutte le squadre di Mosca già all’andata – 1-0 allo Spartak, 3-2 al CSKA in trasferta e 2-1 alla Torpedo in trasferta – in un girone in cui accumula un vantaggio consistente che gli permette di gestire la seconda parte del torneo. Quello che succede il 16 novembre di quel lontano 1982 ha dell’incredibile. È la più grande vittoria della Dinamo Minsk in campionato e in trasferta: si gioca a Mosca, si gioca contro la Dinamo, gli ospiti passano subito in vantaggio e a fine primo tempo si ritrovano avanti 3-0. La squadra non si placa e, sfruttando due rigori, termina l’incontro sul 7-0 (segna anche Aleinikov, che poi verrà a giocare in Italia con la Juventus per aiutare Zavarov ad ambientarsi a Torino). La sconfitta è umiliante, anche se arriva da una “squadra sorella”. Ma la Dinamo Minsk non è più arrestabile, rischia con lo Spartak all'ultima giornata, ma vince il titolo, per un punto, su un'altra Dinamo, quella di Kiev. Alla guida di quella Dinamo Minsk, c’è Malafeeŭ.

Il successo vale per la prima volta l’accesso a una competizione europea, la Coppa Campioni 1983-1984: la Dinamo Minsk non sfigura, anzi, raggiunge i quarti di finale venendo stoppata, per coincidenza, da un'altra Dinamo, quella di Bucarest.

Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.