L’evoluzione del calcio negli USA: dalle scuole alla MLS (1ª parte)

A 24 anni dal mondiale negli USA, a che punto è il calcio negli Stati Uniti? Ne parliamo con l'allenatore della squadra scolastica campione del Massachusetts

di Gianluca Caporlingua
Gianluca Caporlingua
(21 articoli pubblicati)
Coach Furtado e i ragazzi del Brockton

Sono passati ben 24 anni dal mondiale negli USA, 22 dall'esordio della MLS. In tutto questo tempo, il calcio negli Stati Uniti si è evoluto sul piano  tecnico e tattico e l'intero movimento ha fatto un vero e proprio salto di qualità, cambiando progressivamente anche la percezione del pubblico a stelle e strisce rispetto ad uno sport che, in precedenza, veniva spesso considerato solo al femminile.

Lisa è americana, di Brockton nel Massachusetts (conosciuta anche come The City of Champions per aver dato i natali alle stelle della boxe Rocky Marciano e Marvin Hagler), ma ha vissuto anche in Italia per qualche anno, sperimentando in prima persona la passione del bel paese per lo sport più seguito al mondo. Perché è matematicamente impossibile, quando si ha a che fare con italiani, non finire a parlare - prima o poi - di quale sia la propria squadra del cuore. “Il calcio, qui in America, non è certamente ancora a livello di football, hockey, baseball o basket – ci spiega – ma ho la sensazione che sempre più persone si interessino alle partite e vadano allo stadio, magari anche grazie al fatto che grossi nomi siano venuti a giocare nella MLS negli ultimi anni”.

Con lo stesso entusiasmo dei tifosi del nostro Paese, Lisa ha recentemente condiviso sulla sua pagina Facebook la notizia della vittoria del campionato dello Stato del Massachusetts da parte del liceo della sua città, il Brockton High. “Quello che però non riesco a capire – continua - è perché gli Stati Uniti non siano ancora in grado di produrre calciatori professionisti di livello superiore, dato che molti giovani, sia maschi che femmine a partire dai 3 anni, praticano questa disciplina”.

Per rispondere a questo quesito, parlare della vittoria del campionato e, più in generale, dell’evoluzione del calcio negli USA, abbiamo intervistato proprio l’allenatore del Brockton High, coach Herminio Furtado, che ci ha dato un’interessante chiave di lettura: “il calcio americano sta crescendo e sta diventando molto popolare tra i fan. Tuttavia, negli Stati Uniti, la più grande sfida per questa disciplina è il fatto che il calcio sia diventato un passatempo di periferia per quei bambini che, per lo più, non possono permettersi i costi che gli altri sport comporterebbero. Di fatto, oggi il calcio non è ancora molto diffuso fra i giovani dei centri urbani da cui provengono storicamente i più grandi atleti delle altre discipline”.

In riferimento alla vittoria del Brockton High, Lisa ci aveva segnalato come la cosa più interessante fosse che molti dei ragazzi della squadra provenissero da famiglie originarie di Capo Verde. E coach Furtado, nel confermare la tendenza del calcio a stelle e strisce ad essere uno sport praticato ancora prevalentemente da immigrati, ci spiega che “il fenomeno di dover pagare per giocare è un problema enorme per il calcio americano”. Gli immigrati vivono spesso in zone periferiche “dove possono permettersi un alloggio ma dove ci sono limitate infrastrutture per il calcio”. Ma gli stessi, di contro, “apportano un importante bagaglio tecnico acquisito nei loro Paesi di origine, dove giocare a pallone non comportava alcun costo”.

[Nella seconda parte del nostro reportage analizzeremo il multiculturalismo e le opportunità di integrazione che il calcio, e lo sport in generale, garantiscono a molti giovani in America].

Uno stadio della MLS
Fonte: l'autore Gianluca Caporlingua

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.