Le indicazioni delle prime tre giornate secondo il tecnico da bar

La pausa per le nazionali consente un'analisi sul primo scorcio di stagione calcistica. Analisi che sarà quasi sicuramente smentita dai fatti

di Paolo Gavarone
Paolo Gavarone
(23 articoli pubblicati)
Serie A

Sotto gli ultimi ombrelloni ancora aperti, negli uffici che sono tornati ad animarsi, davanti al cappuccino e alla brioche, sfogliando la Gazzetta sul frigo dei gelati, tutti noi tecnici da bar siamo tornati, dopo mesi di astinenza, ad elaborare ragionamenti sulla Serie A. Ragionamenti con poco fondamento logico, visto l'esiguo numero di partite giocate, ma che vanno esternati perché il bello del calcio è proprio questo, ognuno può dire la sua e possibilmente spararla grossa alimentando conversazioni tanto inconcludenti quanto utili al morale di noi italiani medi.

Quindi dirò la mia, partendo dalla Juventus di CR7. È un buon segno vincere senza entusiasmare? Di sicuro i nove punti sono un dato di fatto. Ma la sensazione è che in casa bianconera l'obiettivo che sovrasta tutto il resto sia la Champions. Quest'anno non basterà fare bene in Europa. Serve assolutamente una vittoria per dare valore ad un ciclo che ha visto la Juventus dominatrice in Italia. Quindi se qualche squadra riuscisse a rimanere in scia, nella fase decisiva della stagione ci potrebbero essere sorprese. Non sarà facile per Allegri tenere alta la concentrazione e far passare il messaggio che da quelle parti l'unica cosa che conta è vincere, a Frosinone come a Madrid. Nessuno discute la superiorità del valore della rosa bianconera, ma era superiore alla concorrenza anche il Milan di Sacchi, che però diede sempre il meglio di sé in Europa.

L'ormai mitica figura dell'anti-Juve ha quattro candidate che hanno dato segnali contrastanti. Il Napoli ha vinto due partite soffrendo e ne ha perso una nettamente. L'attitudine vincente di Carletto basterà  a colmare il vuoto lasciato da Reina e Jorginho? Il meccanismo quasi perfetto di Sarri è stato forzatamente rielaborato con qualche incognita ancora da risolvere. Non mi sembra un Napoli più competitivo dello scorso anno, il treno per lo scudetto è stato perso a Firenze la scorsa stagione. Ritornerà, ma difficilmente quest'anno.

La Roma è messa meglio dei partenopei? Nelle tre partite non ha mai entusiasmato e ha perso Allison, forse il miglior portiere dello scorso campionato. Rimane però  una squadra con un gioco rodato ed il mix di esperienza (Dzeko, Pastore, N'Zonzi) e di giovani interessanti (Under, Kluivert, Schick), una volta assestato, potrebbe dare soddisfazioni ai giallorossi, anche se per lottare per un titolo dovrà  trovare una continuità che negli ultimi anni è  sempre mancata.

Potrebbe essere la stagione del riscatto milanese? L'Inter non può nascondersi. De Vrij, Nainggolan, Vrsaljko, Keita, Asamoah, Lautaro sono giocatori da top team. Se Persic e Brozovic avranno la determinazione mostrata ai mondiali e se Icardi manterrà la sua impressionante media gol, i nerazzurri si candidano ad essere la rivale numero uno dei campioni in carica. Del Milan impressiona soprattutto il gruppo. Lo spirito di Ringhio pervade la squadra. Non ha il valore tecnico delle squadre citate finora, ma davanti ha un vincente come Higuain e la squadra ha già dimostrato di avere fisico e corsa. Razionalmente non sarebbe da considerare una squadra da scudetto ma la squadra trasmette buone sensazioni e non ha l'onore ed onere di gestire l'impegno Champions. Attenzione al diavolo...

A mio avviso, non ci saranno grossissime sorprese in questo campionato. Dietro queste cinque, lotteranno per l'Europa Fiorentina, Lazio e Torino. Un gradino sotto il Sassuolo e le genovesi, che potrebbero approfittare di qualche defaillance delle squadre più quotate. Per le altre l'obiettivo salvezza, più o meno tranquilla. Chiudo qui questo articolo, scritto per essere smentito da quello che rimane un gioco imprevedibile, nonostante la Juventus.

Fonte: l'autore Paolo Gavarone

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.