L’Ajax è una vetrina di Swarovski o di calciatori?

La squadra olandese, grazie a scambi ravvicinati, triangoli e continue verticalizzazioni, è in grado di piegare il Real e di far divertire chiunque la osservi.

di Matteo Gentili
Matteo Gentili
(12 articoli pubblicati)
Talenti Ajax

L'Ajax che sottomette il Real Madrid: sembra una partita di FIFA dove uno dei due giocatori è più abile dell'altro con il joystick in mano. Invece è quello che accade ieri sera alla Johan Cruijff Arena, specialmente nel primo tempo, in cui la formazione schierata da Erik ten Hag è in grado di neutralizzare il Real Madrid, vincitore di 4 delle ultime 5 edizioni della Champions League. La squadra di casa corre alla velocità della luce e, grazie ai continui triangoli e verticalizzazioni, è capace di stordire la superpotenza spagnola, che viene sorretta unicamente dall'immenso Sergio Ramos. Gli olandesi sfornano continuamente potenziali azioni da goal ma purtroppo mancano sempre l'ultimo passaggio e il killer instinct, elemento che gli 11 titolari, ieri sera con un'età media di soli 24 anni, potranno assorbire solo maturando e acquistando esperienza. Al 39esimo l'Ajax passa in vantaggio, grazie alla disattenzione di Courtois ma il primo intervento del VAR in questa Champions League non poteva essere più decisivo: rete annullata e risultato ancora in parità. Nel secondo tempo la manovra dei padroni di casa si affievolisce, a causa del ritmo estremamente elevato del primo tempo, ed il Real passa in vantaggio grazie alla rete del "numero 9 più tecnico del mondo". L'Ajax è ferito, barcollante, ma non ancora a terra e al 75esimo il pareggio non può essere dimostrazione migliore della classe di questa squadra : De Jong avvia, David Neres serve e Ziyech conclude. Alla fine è stato impossibile sconfiggere il gigante "esperienza", perché grazie alla zampata di Asensio il Real si porta a casa la vittoria nell'andata degli ottavi di finale; ingiustamente, perché se Dolberg (altro grande talento) avesse concretizzato la clamorosa occasione a fine gara, al ritorno avremmo visto un'altra partita. 

Se da una parte l'unica stella brillante sembra essere il giovanissimo Vinicius Junior, poiché Bale non sembra più quel giocatore straripante di qualche anno fa ed Isco e Asensio sembrano diventati dei fantasmi, dall'altra i gioielli dell'Ajax non si contano sulle dita di una mano sola. De Jong e De Ligt sono probabilmente in cima alla lista di questi talenti cristallini perché il primo, che danza come una farfalla intorno al Pallone d'Oro Modric,  garantisce fluidità alla manovra olandese non rinunciando a proporre grandi giocate e passaggi taglienti come una lama e, il secondo mostra un'aggressività propria di un difensore ormai maturo e la capacità di leggere in anticipo le azioni offensive degli avversari. Il terzino marocchino Mazraoui è inarrestabile sulla fascia destra: in fase offensiva dribbla e serve e in quella difensiva non è certo facilmente superabile. Hakim Ziyech è estremamente tecnico, un giocatore che riesce sempre a saltare l'uomo con grandi giocate, tagliare verso l'interno del campo e crossare o inserirsi alle spalle dei difensori sfruttando poi le sue doti realizzative; Van de Beek sembra il più grezzo di questi diamanti ma ha dimostrato di saper competere ad alti livelli grazie al suo dinamismo e alla sua ferocia; infine, David Neres è anch'egli una furia sulla sinistra: corre, accelera, serve e contribuisce anche quando è necessario difendere. 

L'Ajax è una squadra che fonde perfettamente ragazzi giovani e talentosi e giocatori un po' più "anziani" ma dotati di una grande esperienza: ad esempio il trentenne Dusan Tadic, che dopo 4 anni al Southampton, passati lottando spesso per la salvezza, si è rimesso in gioco e sembra incredibilmente ringiovanito: riceve palloni sporchi, li controlla e li serve egregiamente per i suoi compagni. Due cose sono certe nella vita: la morte e il fatto che questi ragazzi faranno una grande carriera.

Fonte: l'autore Matteo Gentili

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.