La svolta dell’Inter passa anche dall’azzurro

Nella squadra del nuovo corso di Conte sempre più importante è il ruolo svolto dai ragazzi che sono e saranno protagonisti anche con la maglia della nazionale

di Leandro Malatesta
Leandro Malatesta
(122 articoli pubblicati)
sensi

Antonio Conte non è uomo da mezze misure e questa è cosa nota. I cambiamenti di cui egli è portatore sono sempre radicali e destinati a lasciare il segno per lungo tempo e così sta accadendo anche in casa nerazzurra nonostante la stagione sia appena all'inizio.

Il mutamento di mentalità e in qualche modo di risultati che la compagine interista sta mettendo a frutto in queste partite certifica come l'impronta dell'ex tecnico del Chelsea sia evidente e di come egli sia già entrato in profondità nei cuori e nelle menti dei propri ragazzi.

Guardando bene la nuova Inter voluta da Conte si coglie subito che uno dei cardini del progetto è il ruolo assunto da parte degli italiani in una squadra che fin dal nome (Internazionale) e dalla storia recente ha sempre avuto un grande respiro cosmopolita.

Stando ai fatti è "singolare" anche che tale situazione si registri proprio sotto una presidenza straniera (Suning) mentre l'era Moratti si era contraddistinta proprio per l'esatto contrario, su tutti basti pensare che il Triplete del 2010 fu realizzato da un condottiero portoghese (Mourinho) e che Marco Materazzi era l'unico italiano degli undici titolari di quella squadra. 

Ritornando all'attualità calcistica i vari Barella, Sensi, Bastoni, D'Ambrosio, Politano, Gagliardini e perfino il ritrovato Candreva sono tutti atleti pronti a dare il loro contributo anche alla causa della Nazionale di Roberto Mancini.

Avere uno "zoccolo duro" dal quale attingere e sul quale cementare una nazionale è prerogativa di ogni ciclo "azzurro" ed ecco che con una Juve sempre più intenta ad ingaggiare grandi campioni dall'estero la politica del Made in Italy interista ha di fatto mutato le gerarchie anche in vista di Euro 2020.

I giovani italiani come Sensi e Barella hanno fatto vedere di essere all'altezza dei palcoscenici più importanti (vedasi le partite disputate in Champions al di là dei risultati) e questo non può che accrescere la fiducia in loro stessi. Discorso diverso va fatto per giocatori quali D'Ambrosio e Candreva che hanno saputo scrivere un inizio di stagione all'insegna del riscatto personale.

Quello che il futuro riserverà alla squadra milanese e alla nazionale italiana non ci è dato sapere ma prendendo in prestito le parole del poeta inglese Samuel Taylor Coleridge il quale sosteneva che nell'oggi cammina già il domani si può tranquillamente dire che agli ordini di Conte e Mancini ci sia già la nostra "meglio gioventù".

barella
Fonte: l'autore Leandro Malatesta

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. AlessioForzaInter - 5 giorni

    L’Inter con quattro giocatori è la seconda squadra più rappresentata in questa convocazione. La prima è la Roma con cinque. Qualcosa sta cambiando

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.