La Serie A e i suoi sorprendenti giovani

Quanti giovani ci sono in Serie A! E quanto possono insegnarci

di Elena Maida
Elena Maida
(85 articoli pubblicati)
SSC Napoli v Atalanta BC - Serie A

Questa pausa per le Nazionali mi sta distruggendo. E non sto scherzando. Il vuoto assale e le notizie che circolano sono sempre le stesse. E vi parla una che la Nazionale la ama e l'ha anche vista allo stadio. In un momento in cui il calcio si è preso una pausa (se così si deve definire), mi sono fermata a pensare a quanti giovani abbiamo nelle nostre squadre di Serie A.

A volte mi sembra strano vedere ragazzi della mia età o anche più piccoli (Donnarumma mi fa sentire incredibilmente vecchia), essere già in un campionato così importante e magari ricevere elogi da veri professionisti sia dell'ambito calcistico sia dell'ambito giornalistico. 

Ci sono dei giocatori che mi hanno colpito parecchio. Uno fra tutti Cengiz Ünder. È partito piano piano e poi è esploso, tanto da realizzare un gol in Champions League. Non male per un classe 1997. Tra i classe '97, voglio menzionare anche Barella, centrocampista con una grande personalità ma che deve ancora crescere sia da un punto di vista caratteriale sia da un punto di vista fisico; Chiesa, alla sua seconda stagione in Serie A ed è sbocciato, anche se sa di dover ancora migliorare tanto e non nasconde la cosa. Ma tra i '97 me ne ha colpito uno in particolare: Milenkovic. Forse nessuno si sarebbe mai aspettato nulla, non lo conoscevamo ma devo dire che è un difensore che potrà solo fare bene in futuro. Se scendiamo di un anno, ossia tra i classe 1998, credo che la grande sorpresa sia Cutrone. Partito per fare la riserva di Kalinic e André Silva, si è ritrovato ad essere il piccolo bomber del Milan.

Se guardiamo tra i classe 1996, come non citare Davide Calabria. Un terzino moderno, anche se leggermente delicato: tanti sono gli infortuni che lo hanno costretto a rimanere fermo. C'è anche Ounas del Napoli, anche se non sta trovando molto spazio nella fornaziobe partenopea.

Grande boom di giocatori per la classe 1995 e voglio menzionarne tre: Cristante, che all'Atalanta sta regalando grandi soddisfazioni; Milinkovic-Savic, probabilmente nella sua stagione migliore e Romagnoli, che dopo un primo periodo buio è tornato ad essere una certezza nella difesa rossonera.

Che dire! Tanta gioventù e tanta voglia di crescere, ma sempre con i piedi per terra. E ce lo insegna il buon Cutrone che davanti ai microfoni ha risposto alla domanda peggiore di tutti: "ma la fidanzatina?" ,con grandissima tranquillità e con una risata sincera. A volte i giovani sembrano testardi e inesperti del mondo, ma alla fine è anche giusto così.

Fonte: l'autore Elena Maida

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.