La prima grande rivincita di King Claudio

Il Leicester è stata la consacrazione definitiva ma Claudio Ranieri è stato il primo a rilanciare la Juventus

di Luca95 Meringolo
Luca95 Meringolo
(118 articoli pubblicati)
Juventus FC v Udinese Calcio - Serie A

La storia è in continuo mutamento.  Settembre 2018, la Juventus di Cristiano Ronaldo è pronta ad esordire a Valencia nella fase a gironi di Champions alla quale si presenta come una delle favorite per la conquista finale del trofeo.  Riavvolgiamo il nastro della memoria di 10 anni, settembre 2008,  la Juventus di Ranieri è pronta ad esordire in Champions dopo due anni di assenza (retrocessione in seguito a Calciopoli) contro lo Zenit. Ranieri nel campionato precedente aveva trascinato la Juventus appena risalita dalla Serie B ad un sorprendente terzo posto in campionato e adesso vi era la prova del nove, il ritorno nella massima competizione Europea.

Fra gli acquisti di rilievo vi fu il ritorno alla base dal prestito  di giovani bianconeri come Marchisio e Giovinco. L'acquisto di grido fu il brasiliano Amauri che tanto bene aveva fatto nelle precedenti stagioni con le maglie di Chievo Verona e Palermo. La Juventus partì balbettante in campionato ma  decisamente bene in Champions, lo Zenit venne stesso grazie ad una punizione magistrale di Alex Del Piero. Dopo un pareggio per 2-2 contro il Bate Borisov arrivarono due importantissime vittorie contro il Real Madrid, all'andata vittoria per 2-1 grazie alle reti di Del Piero e Amauri, al ritorno al Bernabeu fu uno 0-2 incredibile e condito di emozioni grazie alla doppietta dell'immenso capitano bianconero con tutto lo stadio ad applaudire la sua uscita dal campo, una standing ovation riservata solo ai re di questo sport. 

Quella Juventus addirittura passò prima nel girone anche se la sua avventura fu breve perchè venne eliminata agli ottavi dal Chelsea di Hiddink. In campionato la compagine del tecnico romano rimase stabile sempre tra secondo e terzo posto anche se una serie di risultati negativi portarono all'esonero di Ranieri e alla sostituzione con Ciro Ferrara. Non bastarono un terzo e un secondo posto con una Juventus battagliera per la conferma anche se Ranieri è stato il precursore della Juventus che oggi domina in Italia e anche in Europa, fu lui  spostare Chiellini centrale, a credere per primo in Marchisio e Giovinco e a ridare la convinzione da grande squadra alla Juventus anche con l'aiuto dei veterani come Del Piero, Buffon, Nedved, Camoranesi e Trezeguet. Ranieri ha piantato un seme che dopo 2  anni di settimi posti  è stato coltivato da Antonio Conte e poi fatto sbocciare da Allegri. Chi dice che nel calcio vengono solo ricordati i vincitori ?

Fonte: l'autore Luca95 Meringolo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.