La coerenza? Un valore che calcio non sa cosa sia: l’esempio di Sarri

Il bel gioco di Sarri e le vittorie nelle competizioni europee fanno felici gli juventini. O forse no...

di Nick Gel
Nick Gel
(2 articoli pubblicati)
Immagine welcome Sarri

Dopo i cinque anni sotto la guida di Massimiliano Allegri coronati da scudetti, coppe Italia e Supercoppe italiane, la Juventus ha annunciato il suo nuovo allenatore: per i prossimi tre anni sarà Maurizio Sarri.

Guardiola era il vero sogno, ma irraggiungibile, così sì è deciso di puntare sull'allenatore ex Napoli che comunque potrebbe essere la persona giusta: metterà tutti d'accordo con il bel gioco e con la sua esperienza europea (l'Europa League appena vinta con il Chelsea) cercherà di raggiungere il vero obiettivo della Juventus: vincere la Champions League. E così alla fine renderà felici tutti i tifosi bianconeri... o forse no.

Proviamo a ritornare indietro a quando Sarri era ancora al Napoli ricordando tutte le sue famose frasi e il bruttissimo gesto del dito medio rivolto ai tifosi juventini.

  • Il 20 agosto 2016, alla prima conferenza stampa stagionale Sarri disse: "Sono arrabbiatissimo con i dirigenti della Juventus che hanno parlato con Higuain quando era ancora un nostro giocatore". Ma poi lui cosa ha fatto? Si è accordato con la Juventus quando era ancora l'allenatore del Chelsea.
  • A gennaio 2018 Maurizio polemizzò contro la Lega Calcio: "Giocare le prossime otto partite dopo la Juventus? Qualche dubbio su chi fa i calendari mi viene...".
  • E un anno fa, quando un giornalista gli chiese se si vedesse alla Juventus, lui rispose sarcasticamente: "Chiedo al mio avvocato se ci sono gli estremi per denunciarti".
  • Quando era al Napoli, prima di una partita contro la Signora disse: "Mi dispiace che qui al San Paolo per colpa di pochi delinquenti non possano venire in trasferta tutti i tifosi bianconeri, in fondo hanno solo un difetto: sono Juventini".
  • Ma ci sono state anche parecchie dichiarazioni in cui  lui ha insinuato che i bianconeri "siano aiutati", ecco le due più famose: "Noi lo scudetto l'abbiamo perso in albergo, guardando l'Inter che è stata sconfitta per colpa degli errori di Orsato".
  • Un'altra frase sempre rivolta agli arbitri con, secondo lui, qualche "favoritismo" verso la Juventus, è stata: "Non so come possiamo fare per avere un rigore a nostro favore, forse devo farci fare delle maglie a righe".

Alla fine si è ricreduto pure Sarri, lui che appena due anni fa sembrava, ed era, un grandissimo anti-juventino e ha addirittura avuto il coraggio di dichiararlo, cosa che non oserebbe mai fare un professionista come lui. E chi due anni fa l'avrebbe mai detto che Sarri sarebbe andato alla Juventus? Ma d'altronde chi riuscirebbe a resistere alla tentazione e al fascino di una grande squadra, con enormi obiettivi, come la Juventus.

Fonte: l'autore Nick Gel

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.