Italiane in Champions, stupiteci!

Quattro italiane nella massima competizione europee: cosa dobbiamo attenderci dalle nostre rappresentanti in Champions?

di Marco Ghilotti
Marco Ghilotti
(67 articoli pubblicati)
Paris Saint-Germain v Celtic FC - UEFA C

"A riveder le stelle" è stato scelto dall'Inter come slogan per annunciare il suo ritorno in Champions. L'ultimo verso dell'Inferno della Divina Commedia descrive l'uscita di Dante e Virgilio dalle profondità della Terra, presagio di un cammino pieno di luce che anche i nerazzuri sperano di compiere dopo un'attesa lunga sette anni, piena di false speranze e illusioni mai tramutatesi in realtà. Il mercato di quest'anno è stato fatto con lo scopo di aggiungere giocatori di qualità alla rosa al fine di competere con le migliori squadre del continente. Nainggolan, semifinalista con la Roma, De Vrij, Vrsaljko e gli stessi Politano e Keita possono dare la qualità necessaria a passare i gironi.  I nerazzuri sono stati inseriti nel gruppo B, assieme a Barcellona, Tottenham e PSV. Un gruppo complicato e pieno di insidie visto che tra le possibili avversarie in 2ª fascia gli Spurs sono probabilmente i clienti meno facili da affrontare, con un potenziale offensivo devastante diviso tra Kane, Eriksen e Alli ma con una difesa che traballa. Il Barça è sempre il Barça, più Messi-dipendente degli scorsi anni ma sempre con la stessa incredibile pericolosità data dai vari Suarez, Dembelé e Rakitic. Coi blaugrana sarà importante tentare di vincere a San Siro, mentre l'imperativo contro il PSV è trionfare sia in Olanda che davanti al proprio pubblico

Discorso più o meno simile per il Napoli, che sfortunatamente è stato inserito nel gruppo della morte con PSG, Liverpool e Stella Rossa. Un girone del genere nell'anno 2013-14 quando era arrivato terzo nonostante avesse fatto 12 punti come Dortmund e Arsenal, finitegli davanti. Quest'anno è più dura perché i Reds sono vice-campioni d'Europa, mentre i parigini contano sul trio esplosivo Mbappé-Cavani-Neymar. Ciononostante la squadra di Tuchel ha problemi a gestire le pressioni, ma si spera che il gioco e il valore dei singoli possa far fare il salto di qualità necessario per sollevare la coppa. Klopp è sempre insidioso, è stato capace di strapazzare il City che aveva dominato la Premier e di far soffrire il Real per poco più di un'ora in finale. Quando partono in velocità, Salah&Co fanno davvero paura, e se la difesa regge più del solito possono dire la loro. La Stella Rossa dovrebbe essere la Cenerentola ma la sua storia e il suo stadio dicono il contrario. L'ex Fiorentina Marin, il comoriano Ben Nabouhane e il ghanese Boakye sono le tre stelle del club serbo. 

La Roma ha avuto abbastanza fortuna nei sorteggi, perché assieme al Real Madrid è capitata assieme al Viktoria Plzen e il CSKA. I Blancos sono ripartiti col piede giusto dopo l'addio di CR7. Benzema, Asensio e Bale sono il nuovo trio che punterà a riconfermarsi anche con Lopetegui. Per il resto la squadra è rimasta la stessa, con Modric e Kross a inventare gioco, con Ramos a punire e Marcelo a deliziare i palati con la sua tecnica. Aggiungeteci Courtois e otterrete una delle due candidate alla vittoria. Le altre due squadre nel girone dovrebbero essere parecchio abbordabili, con l'unica possibile incognita che potrebbe essere i russi, forti delle qualità di Mario Fernandes, protagonista mondiale, Dzagoev e l'ex conoscenza del Palermo Abel Hernandez. 

La Juve, gran favorita, ha avversari tutto sommato fattibili. United, Valencia e Young Boys hanno qualità ma non abbastanza elevate al momento per mettere in difficoltà una corazzata preparata come i ragazzi di Allegri, che con l'aggiunta di Ronaldo vogliono puntare al premio più ambito. Il Man United di Mourinho sembra troppo divorato dai conflitti interni per essere pericoloso, nonostante le qualità eccelse di Pogba e Lukaku. Il Valencia è giovane, Guedes, Rodrigo e Batshuayi sono il futuro ma ora a più del secondo posto non possono ambire. Lo Young Boys non dovrebbe far paura, a meno di sorprese. 

Sarà una Champions tutta da seguire, con i suoi intrecci e le sue storie dalle mille sfaccettature. Quattro italiane, tanti campioni. Lo spettacolo è assicurato. 

Fonte: l'autore Marco Ghilotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.