Il resoconto della fase a gironi della Gold Cup

Tutte le grandi favorite non hanno fallito la qualificazione ai quarti. Delusione Honduras. Sorprese da Haiti e Curaçao

di Stefano Boffa
Stefano Boffa
(164 articoli pubblicati)
Trinidad Tobago v United States - FIFA

Dal 15 giugno ha preso il via anche la Gold Cup (o Copa de Oro, come dir si voglia), la massima competizione organizzata dalla Concacaf, la Confederazione che unisce le squadre nazionali di Nord/Centro-America e Caraibi. Il torneo si sta svolgendo negli Stati Uniti, in Costa Rica e in Giamaica, quindi sono tre i Paesi ospitanti di questa prima versione "allargata" della competizione (si è passati quest'anno da 12 a 16 squadre). Nella maggior parte dei casi, i pronostici sono stati mantenuti dalle big, ma non sono mancate le sorprese.

 GRUPPO A

Nel gruppo che vede protagonista il Messico campione in carica, la Tricolor non ha sbagliato un colpo ed ha ottenuto, come prevedibile, un'agevole qualificazione a punteggio pieno, nonostante le assenze pesantissime per infortunio di Hirving Lozano e Diego Layún. Tra i protagonisti di questo passaggio del turno trionfale troviamo il centravanti Raúl Jimenez e, soprattutto, il giovanotto prodigio Uriel Antuna, che non doveva neanche far parte della spedizione, senza dimenticare il contributo del neo-capitano Guardado. Ad accompagnare il Messico ai quarti ci sarà il Canada: i Canucks hanno vinto senza troppi problemi il duello con la Martinica e, grazie alla vena realizzativa del capocannoniere del torneo David e all'estro di Hoilett, hanno saputo anche far divertire il pubblico. Poco da dire sul torneo di Cuba: 0 gol realizzati, 17 subiti e ben 5 giocatori che hanno dato forfait durante la competizione. Auguri.

GRUPPO B

Il girone ha riservato una grandissima sorpresa: la vittoria a punteggio pieno di Haiti. La nazionale caraibica, trascinata dalle giocate di Nazon e Saba, è riuscita non solo a sopraffare la diretta concorrente per la qualificazione ai quarti (le Bermuda di Nahki Wells), ma ha anche battuto i Ticos della Costa Rica, raggiungendo un traguardo che mancava dal 2015 e vette degne della golden age degli anni '70. Per quanto riguarda la Costa Rica, sicuramente era inaspettato il secondo piazzamento nel girone, ma nella fase ad eliminazione diretta può dire la sua, anche se contro il Messico ci vorrà un miracolo, soprattutto vista la defezione di Keylor Navas in porta. Nulla da fare per il fanalino di coda Nicaragua, che ha chiuso il suo torneo a 0 punti.

GRUPPO C

Questo è stato senza dubbio il raggruppamento più equilibrato del torneo, ma anche quello che ha regalato più colpi di scena. L'Honduras di Anthony Lozano e Izaguirre, grande favorito per il passaggio del turno, è stato costretto a sventolare bandiera bianca dopo due partite con altrettante sconfitte. Il primo posto se lo è aggiudicato la Giamaica padrona di casa con 5 punti, trascinata dal talento esuberante di Leon Bailey. A seguire c'è stato un duello serrato tra El Salvador e Curaçao per la conquista della seconda posizione, l'ultima utile per il passaggio ai quarti: El Salvador si aggiudica lo scontro diretto con i caraibici per 1-0, ma per l'economia del superamento del turno, la conditio sine qua non è la differenza reti globale. Il poker subito all'ultima partita contro l'Honduras già eliminato, ha permesso al Curaçao, grazie al contemporaneo pareggio raggiunto in extremis nella partita con la Giamaica, di fare la storia  e di approdare ai quarti di finale a parità di punteggio con i salvadoregni (4 punti).

GRUPPO D

Tutto troppo semplice per gli USA capitanati da Christian Pulisic: il neo-acquisto del Chelsea, coadiuvato da Arriola e Boyd, ha trascinato gli Stars and Stripes verso un'agevole qualificazione ai quarti a scapito di Guyana e Trinidad e Tobago (quest'ultima responsabile della mancata partecipazione degli statunitensi al Mondiale di Russia 2018). A seguire i padroni di casa ai quarti è stato il Panama allenato da Dely Valdes, che però ha dovuto cedere il comando della classifica ai più quotati rivali nordamericani nell'ultima partita del girone. 

I quarti di finale si giocheranno a partire dal 29 giugno e le probabilità di vedere in finale USA e Messico sono, al solito, molto alte.   

Fonte: l'autore Stefano Boffa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.