Il resoconto della fase a gironi della Coppa America

Nessuna delle big fallisce la qualificazione ai quarti, mentre salutano Bolivia, Qatar, Giappone ed Ecuador

di Stefano Boffa
Stefano Boffa
(164 articoli pubblicati)
Copa America 2019 Official Draw

In Brasile, in quest'estate calcistica pregna di eventi, si sta giocando la 46esima edizione della Copa América, la competizione continentale per nazioni più antica del Mondo. La caccia al Cile bicampione è partita il 14 giugno e per ora ha visto molte conferme e poche sorprese, vediamo quali.

GRUPPO A

Nel raggruppamento del Brasile padrone di casa, privo di numerosi big (da Neymar a Marcelo, passando per Douglas Costa e Paulinho), i Verdeoro di Tite non hanno fallito l'obiettivo qualificazione, chiudendo il girone in vetta con 7 punti. Se le vittorie con Bolivia e Perù sono state convincenti e ricche di gol (con Coutinho e Willian in grande spolvero), il pareggio per 0-0 alla seconda giornata contro il coriaceo Venezuela ha fatto venire più di qualche dubbio riguardo alla tenuta della Seleçao. Tra le sorprese in casa Brasile, troviamo il grande impatto avuto dal giovane asso Everton nella competizione, tanto da attirare su di sé le attenzioni dei top club europei. Sorprendente, per ora, il cammino del Venezuela del General Rincón, coadiuvato ottimamente da due vecchie conoscenze del calcio italiano: Josef Martinez e Darwin Machis (quest'ultimo ancora di proprietà dell'Udinese). La Vinotinto è ancora imbattuta con 5 punti conquistati e si è guadagnata la piazza d'onore alle spalle del Brasile, mentre il Perù di Guerrero e Farfan, nonostante la cinquina incassata contro il Brasile all'ultima giornata, ha ottenuto il ripescaggio come migliore terza con 4 punti. Poco da dire sul fanalino di coda Bolivia capitanato da Marcelo Martins, che ha chiuso la sua terribile Copa América con il magro bottino di 0 punti (unica squadra della competizione a farlo).

GRUPPO B

Si stava quasi arrivando allo psicodramma nel girone che ha per protagonista l'Argentina di Leo Messi. La Selección allenata da Leo Scaloni ha rischiato una clamorosa eliminazione fino all'ultima partita, con la vittoria contro il Qatar che ha scacciato la paura e ha restituito un po' di serenità ad una squadra che, finora, non ha minimamente incantato gli addetti ai lavori. Anzi, la sconfitta all'esordio contro la Colombia di James Rodriguez e Duvan Zapata e il pareggio con il Paraguay acciuffato per i capelli (Armani decisivo con un rigore parato) hanno suscitato aspre critiche nei confronti dell'Albiceleste, che non sembra in grado di poter contrastare la leadership brasiliana, anche in virtù delle discutibili scelte del ct Scaloni. A proposito dei Cafeteros colombiani: la squadra di Queiroz sta disputando una competizione perfetta e a testimoniarlo è soprattutto il girone vinto a punteggio pieno, oltre il fatto di aver giocato un calcio propositivo e convincente. La fortuna ha sorriso molto al Paraguay di Oscar Cardozo e Derlis Gonzalez che, nonostante il magro bottino di 2 punti, è riuscito ad ottenere il ripescaggio tra le migliori terze a scapito del Qatar campione d'Asia, fanalino di coda con 1 solo punto, ma che non ha affatto sfigurato.

GRUPPO C

Come da pronostico, Uruguay e Cile ottengono un agevole passaggio del turno. La Celeste del maestro Tabarez ha vinto il girone con 7 punti grazie alle magie di Suarez e Cavani ed ha lasciato la seconda piazza alla Roja bicampione in carica. Quest'ultima, con un Alexis Sanchez ritrovato e un a Vidal trascinatore, ha ritrovato quella brillantezza che pareva perduta dopo la mancata qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. Beffa per il Giappone, presentatosi in Brasile con i giocatori che, presumibilmente, faranno parte della squadra olimpica a Tokyo 2020: terzo posto in classifica con 2 punti e ripescaggio mancato a causa della peggiore differenza reti con il Paraguay. Un'eliminazione arrivata dopo il decisivo pareggio per 1-1 all'ultima giornata contro l'Ecuador di Antonio ed Enner Valencia ultimo classificato, in un drammatico spareggio da dentro o fuori che ha visto l'esclusione di entrambe le contendenti.

I quarti di finale partiranno il 27 giugno, con Brasile e Argentina che potrebbero incrociarsi in un'ipotetica semifinale.

Fonte: l'autore Stefano Boffa

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Senza Fronzoli - 2 mesi

    Per la vittoria finale punterei su Colombia o Uruguay…

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.