Il grande Gladiatore giallorosso

La carriera calcistica di Daniele de Rossi, eterno gladiatore giallorosso

di Filippo Castoro
Filippo Castoro
(1 articoli pubblicati)
Daniele De Rossi Roma

Quasi tutti noi, amanti dei film storici e d’azione, abbiamo visto, almeno una volta nella nostra vita, il film “IL GLADIATORE”.

Da questo film si può intravedere la personalità e il carattere di questa antica figura; infatti, il Gladiatore è un uomo con una forza immane, super coraggioso e, delle volte anche rude.

Nella nostra Italia, principalmente nella nostra magica Roma, un tempo esisteva questa mitica figura sotto le spoglie di un calciatore: Daniele De Rossi, il Gladiatore Giallorosso.

Soprannominato “Capitan Futuro”, Daniele De Rossi nasce a Roma il 24 luglio 1983. Legato dal 2001 al 2019 ai lupacchiotti giallorossi, Daniele De Rossi è stato uno dei centrocampisti italiani più forti di sempre e uno dei calciatori più importanti nella storia dell’AS Roma.

Inizia la sua carriera nell’Ostiamare ma, all’età di 16-17 anni si aggrega alla Primavera della Roma anche grazie a suo padre Alberto, ai tempi allenatore dei giovani talenti giallorossi. Qui Daniele si impone per la sua forza fisica, tenacia e anche per la sua aggressività calcistica.

Esordisce in prima squadra all’età di 18 anni, nel 2001, grazie alla fiducia di Fabio Capello, allenatore della Roma.
Successivamente diventa titolare inamovibile della Roma. Luciano Spalletti, uno dei suo allenatori migliori, lo schiera come centrocampista difensivo davanti alla difesa; in questa posizione, Daniele si sente a casa e sfoggia una tecnica e un’aggressività da invidiare.

Pian piano anche la città di Roma intravede in Daniele una bandiera sul quale fare affidamento; inizialmente non viene molto considerato data la presenza del super e inimitabile capitano Francesco Totti ma lui non si abbatte.

Viene soprannominato Capitan Futuro e, infatti, dopo il ritiro di Totti nel calcio giocato, diventerà capitano a tutti gli effetti.

Il piccolo ma grande Daniele ottiene, nel 2006, la convocazione per i Mondiali in Germania e alzerà al cielo la nostra quarta Coppa del Mondo sfoggiando delle prestazioni che ricordano i grandi gladiatori romani.

Durante gli anni 2017-2018 la Roma diventa la principale antagonista dell’invincibile Juventus. Infatti i lupacchiotti arrivano secondi in classifica ma Daniele inizia a giocare un po' di meno. La Roma acquista N'zonzi e, l’attuale Capitano, perde il posto fisso della titolarità. Arrivano anche le prime discussioni con la società e alla fine Daniele lascerà Roma.

Molte squadre italiane sono interessate al Gladiatore ma lui, per rispetto di Roma e dei romani, approda al Boca Junior e diviene un acquisto top per la mediana. Qui brilla poco e, il 6 gennaio 2020, Daniele de Rossi appende le scarpe al chiodo e dice addio al calcio giocato.

Roma non ti ha mai dimenticato Daniele, anche perché i Gladiatori non muoiono mai!

Fonte: l'autore Filippo Castoro

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.