Il Feticismo della plusvalenza e l’aziendalismo nei tifosi

Quando gli aspetti economici spodestano i valori sul campo

di Claudio Toschi pilo
Claudio Toschi pilo
(5 articoli pubblicati)
Juventus v Atalanta BC - Serie A

All'indomani della finale di Champions, un articolo della Gazzetta dello sport, celebrando il Matchwinner ceduto nel 2016 titolava: “ Coman, a lui la Champions alla Juve la plusvalenza”.

Sebbene il titolo mi paresse giustamente ironico e provocatorio, non lo è stato per tutti. Per alcuni tifosi, infatti, questo è realmente motivo di orgoglio e soddisfazione.

Ultimamente ho visto tanti tifosi godere più per le plusvalenze che per l'acquisto di un campione, come se l'importo andasse a finire sul loro conto corrente.

Eppure, per primeggiare, la chiave dovrebbe essere: intervenire sui punti deboli e NON distruggere i punti di forza.

Credo infatti che ci siano 2 modi di fare calciomercato: da provinciale o da Top Club.

Nel 1° caso si cambia tanto ogni anno, puntando sulla quantità e sull'incertezza, rendendo indispensabile la cessione dei migliori giocatori. La vendita dei pezzi pregiati era l'essenza del Cagliari di Cellino e dell'Udinese di Pozzo, le quali, non avendo grandi pretese di trofei nè un budget adeguato, potevano fregiarsi soltanto di aver ceduto un pezzo da 90 per una bella cifra (rapportata al Club) da reinvestire in tante giovani promesse. Se tra i vari nuovi, qualcuno fosse esploso, tanto meglio. In caso contrario nessun problema... sarebbero arrivati tempi migliori. Mi pare ovvio che questa non possa e non debba essere la stessa strategia dei Top Club: essi infatti cambiano il meno possibile, investono sulle certezze e non cedono i top player che in tal caso verrebbero sostituiti adeguatamente.

Nel calcio, come in ogni ambito, chi vuole eccellere deve guardare chi eccelle: il Real negli ultimi anni ha ceduto pochi giocatori, tra cui CR7 per 100 milioni (a 34 anni); il Barça, solo Neymar per 222 milioni ed i 3 storici centrocampisti a fine carriera; idem per il Bayern che ringrazia Robben e Ribery e ne lascia partire altri 4 in 5 anni. Nello stesso periodo la Juve ha ceduto: Lichtsteiner, Romulo, Caceres,Asamoah, Giovinco, Llorente, Tevez, Morata, Coman, Pogba, Vidal, Hernanes, Marchisio, Pereyra, Benatia, Dani Alves, Zaza, Pjaca, Emre Can, Mandzukic, Spinazzola, Cancelo, Higuain, Matuidi, Pjanic. Oltre a togliere solidità e rafforzare gli avversari, l'aspetto peggiore è che quasi sempre sono stati costretti a partire (nel fiore degli anni) e quasi mai sono arrivati rimpiazzi all'altezza.

Ben lontani dall'estate del 2001 in cui Zidane (30 anni) venne ceduto per 150 miliardi, grazie ai quali vennero acquistati i cartellini del portiere più forte del mondo (Buffon a 23 anni), di Thuram, fresco campione del mondo e d'Europa e di Nedved: 3 FUORICLASSE, non certo acerbe promesse.

Oggi, per un Vidal che parte, arriva Lemina e viene scambiato Cancelo per Danilo in nome dei bilanci. Io che NON considero la plusvalenza né una soddisfazione né una magra consolazione, ritengo lo scambio Pjanic-Arthur una grande operazione sì, ma del Barcellona, che si assicura uno dei migliori centrocampisti al mondo cedendo un buon comprimario più qualche spicciolo; dall'altra parte, questa è un'ottima operazione per i feticisti della Plusvalenza e la situazione più triste è che si sia riusciti ad instillare in questi tifosi, più passione per le plusvalenze che per i valori sul campo o le conquiste di trofei e qualunque cosa accada, l'operazione viene osannata a prescindere dai risultati e dalle prestazioni perchè ha generato plusvalenza. Della serie: si, abbiamo preso una ciabatta e venduto un campione, però che plusvalenza!

Secondo me, che non appartengo al partito “ a voi la coppa, a noi la plusvalenza”, questo feticismo non fa altro che distogliere l'attenzione dai valori reali, finendo per discutere più di economia aziendale che di calcio. Chi parla più di sponsor, bilancio, ammortamenti ed altri aspetti che non necessariamente conosce appieno, è più interessato a fare l' imprenditore che il tifoso, ma ovviamente questa è la mia opinione. Chi ha ragione? Come diceva Caressa negli anni 90: Giudicate voi!

Fonte: l'autore Claudio Toschi pilo

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. fantaCecco - 6 giorni

    Veramente carino. Potevi agganciare qualcosa sui superingaggi dei top team. In più il Real ha ceduto anche Janes Rodriges. Bell’articolo!

    1. RamirezVidal89 - 19 ore

      Ti ringrazio. È in programma anche quello!

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.