Il fattore Douglas Costa per la Juve

Il brasiliano nel match disputato contro la Spal ha mostrato segnali di netta ripresa dopo un avvio di stagione non semplice

di Leandro Malatesta
Leandro Malatesta
(125 articoli pubblicati)
Juventus v SS Lazio - Serie A

Massimiliano Allegri è di sicuro un allenatore felice. Ha tra le mani una squadra dal potenziale enorme e la possibilità concreta di puntare alla vittoria finale in Champions League. Con quest'ultimo traguardo che non è più solo una speranza affidata al fato.

La Juventus dell'allenatore toscano è una corazzata che in campionato non ha finora conosciuto sconfitta in questa stagione. Sono arrivati solo successi eccezion fatta per il pareggio casalingo contro il Genoa.

L'affermazione contro la Spal ha sottolineato ancora una volta la fenomenale semplicità di Cristiano Ronaldo che s'è preso cura di infrangere un altro record diventato l'esordiente in maglia bianconera più veloce a raggiungere la doppia cifra in fatto di marcature. Rimanendo sul piano della velocità Allegri ha ritrovato contro gli estensi una pedina fondamentale per il proprio gioco. Stiamo parlando di Douglas Costa che nel match di sabato ha letteralmente spaccato in due, come spesso gli accade, la partita.

Dalla partenza sulla fascia ha poi variato la propria posizione in campo andando, nel secondo tempo, a giostrare dietro le due punte aumentando ancor di più la propria incisività fatta di strappi improvvisi e dribbling fulminati e solo un palo clamoroso gli ha poi negato la gioia del goal.

Il brasiliano ha scontato un avvio di stagione difficile culminato con il folle gesto ai danni di Di Francesco durante Juve - Sassuolo disputatasi nel mese di Settembre, da lì la squalifica e le paventate ombre sulla solidità emotiva dell' ex calciatore del Bayern Monaco.

Il ragazzo nato nel 1990 ha saputo lentamente (al contrario della velocità espressa sul campo) ritrovare se stesso  al di fuori fuori dal campo dopo il gesto sconsiderato dello sputo sopra citato. Sia l'allenatore che i compagni sono stati decisivi restandogli accanto ed aiutandolo nella ripartenza.

Ora Douglas Costa punta decisamente a far meglio e a diventare non solo un calciatore in grado di spezzare il ritmo ma di imporre il proprio di ritmo durante tutti i 90 minuti di gioco.

Perché in fin dei conti il "manifesto del futurismo bianconero" può dopo oltre cent'anni rifarsi in qualche modo al più celebre manifesto a firma di Filippo Tommaso Marinetti in cui venivano esaltate le qualità di velocità e potenza per un nuovo corso del''umanità. Senza voler scomodare paragoni letterari vien da dire che Douglas Costa possiede la velocità e la potenza utili a portare la Juventus nella gloria del futuro prossimo.

Juventus v Juventus U19 - Pre-Season Fri
Fonte: l'autore Leandro Malatesta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.