Il calcio in URSS: la gloriosa Dinamo Kiev (VI)

Le origini del calcio sovietico: la Dinamo Kiev. Il dopo Lobanovski: Mikhailichenko e Szabo (2002-2005)

di Davide Manca
Davide Manca
(438 articoli pubblicati)
Alexei Mikhailichenko of the USSR

Lobanovski lascia la Dinamo Kiev al primo posto in campionato con tre punti di vantaggio sullo Shakhtar Donetsk e in finale di Coppa, sempre contro lo Shakhtar. L'eredità del Colonnello è raccolta da uno dei suoi assistenti, Mikhailichenko.

L'ex centrocampista interno del «calcio laboratorio» mantiene il gioco rapido e offensivo del suo mentore, ma riesce nella complicata impresa di perdere sia il campionato - cadendo nel decisivo scontro diretto con i Minatori - sia la Coppa d'Ucraina, dove la Dinamo si fa rimontare negli ultimi minuti ed esce sconfitta ai supplementari, permettendo a Nevio Scala di realizzare la doppietta.

Il nuovo allenatore della Dinamo si riscatta l'anno seguente, centrando la doppietta grazie ai gol e alle giocate di Shatskikh, centravanti uzbeko scovato dagli osservatori e inserito nei meccanismi della squadra con Lobanovski. Mikhailichenko vince campionato e coppa davanti allo Shakhtar di Yaremchenko, manager che nel decennio precedente aveva rivaleggiato con Loban sottraendogli un'unica e misera Coppa d'Ucraina nel 1997 (la Dinamo scivolò agli ottavi contro una formazione cuscinetto lasciando strada libera ai rivali). A metà anni novanta, l'imprenditore miliardario Akhmetov è già arrivato a finanziare le imprese sportive future dello Shakhtar, ma la squadra arancio-nera si fa notare solo verso la seconda metà degli anni duemila, quando con l'arrivo dell'allenatore Mircea Lucescu inizia a vincere più titoli - nasce in questo periodo la Supercoppa Ucraina, trofeo che al 2018 hanno vinto due sole squadre - facendosi notare anche nelle competizioni europee ed eliminando dalla rosa i calciatori ucraini, rimpiazzati dal meglio dell'Est Europa e dai brasiliani più talentuosi scartati da Sudamerica ed Europa. Tra gli altri, resiste il mediano ucraino Tymoshchuk, talentuoso centrocampista che vincerà una dozzina di trofei nazionali, una Coppa UEFA con lo Zenit (2008) e una Champions League con il Bayern Monaco (2013).

 In Champions, la Dinamo Kiev chiude al terzo posto il proprio girone (con la Juventus) e retrocede in Coppa UEFA, eliminata subito dal Besiktas. Nella stagione 2003-2004, il tecnico della Dinamo si ripete in campionato, mentre esce nelle semifinali della Coppa contro il Dnipro e regala un altro titolo a Donetsk. In Champions League, Mikhailichenko termina all'ultimo posto un girone comprendente Inter, Arsenal e Lokomotiv Mosca. Nell'estate del 2004 vince la prima spettacolare edizione della Supercoppa ucraina ai rigori: ne servono venti per decretare il vincitore. Quando sta per iniziare la sua terza annata alla guida della Dinamo, Mikhailichenko è licenziato e rimpiazzato dal vice presidente Szabo - già coach della Dinamo a metà anni novanta, in seguito al secondo addio di Lobanovski. Nell'annata 2004-2005, Szabo sfida Lucescu vincendo in Coppa e perdendo in campionato e in Supercoppa ucraina. Nella ex Coppa Campioni, la Dinamo Kiev è inserita nel gruppo di Roma, Bayer Leverkusen e Real Madrid: vince contro tutte almeno una volta, concludendo dietro ai tedeschi e agli spagnoli per un solo punto (11 contro 10). Non va meglio in Coppa UEFA, dove gli ucraini escono contro il Villarreal di Riquelme.

In questo periodo si fanno strada i talenti di Badr El-Kaddouri, Gavrancic, Verpakovskis - rubato a Riga, rilanciato da un ottimo Euro 2004, fallirà nel «calcio che conta»... - Kléber, Peev, Ninkovic, Husyev e il duo mi(s)tico Aliev & Milevskiy.

Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.