Harry “PotterKane” e la palla… filosofale: l’Inghilterra vola ai quarti

L'attaccante inglese va ancora a segno : è decisivo per continuare il sogno Mondiale

di Gianmarco Zandon
Gianmarco Zandon
(10 articoli pubblicati)
Colombia v England Round of 16 - 2018 FI

Era il 1997 quando dal genio di J.K. Rowling è uscito "Harry Potter e la pietra filosofale ", primo romanzo di quello che sarebbe diventato un fenomeno mondiale. Le storie del giovane mago hanno appassionato milioni di persone e chissà, magari è entrata anche nel cuore di un bambino inglese di allora: Harry Edward Kane. A vent'anni di distanza c'è un nuovo mago ( calcistico) che sta mostrando le sue prodezze contro le squadre di tutto il mondo. Il nome è lo stesso, Harry: è una pura coincidenza o è un segno magico-simbolico ?

Voliamo ad Hogwarts per un istante. Harry Potter e i suoi amici decidono di tenere lontano  da Voldemort la pietra filosofale, creata dal famoso alchimista Nicolas Flamel. Ma cos'è questa pietra filosofale ? Un amuleto di proprietà magiche, in grado di tramutare i metalli in oro e soprattutto di produrre l'Elisir di lunga vita . La Nazionale inglese, dopo anni, ha nelle proprie file chi è capace di  trasformare in gol quasi ogni occasione, un mago del pallone decisivo per tenere vivo il sogno mondiale. Sempre Harry, Harry Kane. 

Da tre stagioni in vetta alla classifica marcatori della Premier League, il centravanti è sempre più il trascinatore e la stella del Tottenham, e non c'è da stupirsi se il tecnico Southgate ha scelto lui come capitano dei " Tre Leoni", nonostante la sua giovane età. Harry ha dimostrato fin da subito di non sentire la pressione e ha ripagato la fiducia con una doppietta alla Tunisia,con un gol essenziale all' ultimo respiro , cancellando da subito le zero reti realizzate all' Europeo 2016. Si è scatenato con una tripletta sul Panama e negli ottavi contro la Colombia realizza i due rigori a disposizione, uno nei tempi regolamentari e uno nella serie finale dal dischetto . In una serata in cui non inventa magie da stropicciarsi gli occhi, spicca per la consueta grinta, fame di gol, conquista e trasforma il penalty, strappa falli preziosi per far rifiatare la squadra, cerca assist per i compagni. Con il gol contro i cafeteros Harry Kane è il capocannoniere di Russia 2018 con 6 reti, ma  soprattutto è decisivo, un punto di riferimento. La Nazionale inglese è il suo Grifondoro, non c'è un Voldemort da sconfiggere ma una vittoria che manca dal '66. Questo è il desiderio da realizzare attraverso i suoi incantesimi. Ogni palla tra i suoi piedi può essere magica, "filosofale", e tutta l'Inghilterra spera nei suoi gol-Elisir per prolungare il sogno Mondiale.

Il nome è lo stesso, ci ruota attorno il cognome. Potter, Kane. A voi la scelta. È solo tutta una storia di magia. 

Fonte: l'autore Gianmarco Zandon

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.