Guida alla relazione tra “Garra Charrúa” e Uruguay

Quando si parla di Uruguay si incappa sempre nella "garra". Che poi, in fin dei conti, che cosa significa questo termine?

di Marco Ghilotti
Marco Ghilotti
(99 articoli pubblicati)
Uruguay v Portugal Round of 16 - 2018 FI

La "garra charrúa" che Adani urla in ogni angolo del mondo dopo il gol di Vecino è il simbolo per eccellenza del popolo uruguayo. La garra letteralmente è l'artiglio che alcuni animali usano per difendersi o attaccare. Nell'epica del calcio moderno, colui che ha la garra dentro di sé non molla mai, quello che prima di arrendersi sputa sangue, quello che anche se sta girando tutto male sa che arrendersi significherebbe morire, ed é anche per questo che non smette di lottare.

La garra è ciò che rende possibile l'impossibile e non a caso viene associato all'Uruguay, una nazione che con solo 3 milioni d'abitanti ha all'attivo due Mondiali e ha prodotto talenti come Suarez, Cavani e Schiaffino. L'urugayo afferma ciò che li contraddistingue è il fatto di non temere nessuno, anzi, di essere sedotti dal confrontarsi con le grandi potenze, dove puntualmente la Celeste da il meglio di sé riuscendo molte volte a ribaltare i pronostici. La stessa grinta che oggi viene esaltata da ogni tifoso, nel passato era invece vista come un elemento negativo tipico del calcio sudamericano: gli uruguaiani erano etichettati come quelli che "picchiano duro", quelli "cattivi e abituati a darle più che a riceverle".

Godin è sicuramente il sinonimo per antonomasia di questa duplice visione, esaltato per il fatto di non arrendersi mai ma contemporaneamente criticato per qualche intervento eccessivamente falloso. Un esempio piuttosto celebre è il fallo con cui José Batista si guadagna contro la Scozia a Messico '86 il cartellino rosso più veloce della storia della competizione. Un fallo da dietro, sostanzialmente inutile, dove il difensore della Celeste probabilmente non guarda neanche il pallone, ma solo le gambe. Gli scozzesi affermeranno di aver incontrato una squadra totalmente incivile, che disprezza le regole del gioco e della condotta civile. 28 anni più tardi, il popolo italiano dirà lo stesso vedendo Luis Suarez mordere Chiellini durante i Mondiali brasiliani. 

La garra, però, è qualcosa che va decisamente oltre un forte senso di patriottismo. In certi casi esso rappresenta l'immolazione di un uomo al fine di salvare la sua nazione da un momentaneo pericolo, che esso sia in guerra o su un campo rettangolare dal manto verde. Per capire al meglio la situazione, due esempi estrapolati dalla storia possono essere utili. Il primo riguarda Eliseo Alvarez, centrocampista della Celeste che ai Mondiali di Cile 1962, giocò tutto il match con l'URSS con il perone fratturato rischiando di perdere la gamba, salvo poi essere operato l'anno seguente. L'altro aneddoto ha come protagonista Luis Suarez e si svolge a Johannesburg durante la Coppa del Mondo sudafricana. La partita, finita 1-1, sta volgendo al termine, quando al 120' l'attaccante del Barça para il tiro avversario con la mano. Un gesto estremo, un gesto che costa un cartellino rosso, ma é ciò che permette all'Uruguay di andare ai rigori, dove poi per la cronaca trionferà grazie al suo portiere. 

Che la garra sia tutto questo ne siamo certi, ma sull'origine di questo mitico termine non siamo egualmente sicuri. Quello su cui non abbiamo dubbi è che possa derivare dal periodo pre-Mondiali 1930, dato che all'epoca l'Uruguay veniva da due vittorie Olimpiche consecutive (Anversa 1924 e Amsterdam 1928), e più in generale era considerato una vera macchina da guerra. La federazione nazionale sostiene che si sia originata durante la finale di Copa America del 1935 tra la Celeste e l'Argentina, in un match in cui nonostante la stanchezza e il risultato sfavorevole gli uruguagi l'avevano comunque portata a casa. 

La garra charrúa è questa. Sconfiggere le avversità della vita su un campo da calcio, anche quando tutto sembra girare storto. Simbolo di una nazione situata tra Brasile e Rio de la Plata, simbolo di una gemma preziosa, una pepita benedetta da una concentrazione di talento inversamente proporzionale alle sue dimensioni.

Fonte: l'autore Marco Ghilotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.