Grazie, Sinisa: campione di sport e non solo

Lettera aperta all'uomo che ha dimostrato, ancora una volta, di non voler mollare mai

di Riccardo Sanna
Riccardo Sanna
(50 articoli pubblicati)

Caro Sinisa,

ci ho messo qualche giorno per riflettere e decidere se fosse il caso di scrivere questa letteraViviamo in un periodo in cui tutto può diventare oggetto di strumentalizzazione: dai gesti forti in pubblico alle relative lodi in merito. I social e i chiacchiericci da bar lo dimostrano. Per esempio qualcuno è convinto che citare e scrivere di un personaggio famoso che affronta la propria battaglia equivalga a dimenticarsi di tutte quelle persone malate e non popolari che combattono nel quotidiano. Nulla di più errato e fraintendibile, e di seguito spiego il perché.

Sai, quando ti ho visto entrare in campo dirigendoti verso la panchina non credevo ai miei occhi. Il fisico debilitato e il viso leggermente scarno sono passati subito in secondo piano: a emergere è stata la grinta e la voglia di resistere e non mollare. Tratti distintivi, questi ultimi, che da sempre hanno contraddistinto il Sinisa giocatore/allenatore e che domenica si sono palesati al mondo per rappresentare il Sinisa uomo.

Un gesto, quello di esserci nonostante le cure in corso, che fa luce su un atteggiamento di rivalsa e che funge da monito alle tante persone che vivono la medesima situazione e magari temono di affacciarsi al mondo. Un gesto, quello di mostrarsi e parlare della propria malattia, che infonde speranza e lancia un grido di battaglia a tutti, nessuno escluso. Un gesto rivolto a chi vive il calvario ma non solo: è un inno alla vita e alla speranza e per questo rivolto alla gente, affinché si lotti a denti stretti contro gli ostacoli che si presentano lungo il percorso.

Ecco, Sinisa, il tuo, come quello di tanti altri personaggi famosi che hanno avuto il coraggio di parlarne,  è stato un esempio esemplare. La vita è splendida e non c'è intoppo che possa offuscarne la bellezza: nei tuoi occhi ci ho letto, grosso modo, un pensiero del genere. Da parte mia, un augurio di cuore e un plauso enorme. Lo stesso che ti hanno tributato domenica i presenti allo stadio. Lo stesso che è giunto dagli spettatori da casa. Lo stesso che ha fatto vibrare i cuori di chi lotta e intende non darsi per sconfitto.

Grazie, Sinisa. Sei stato e sei un Campione di sport, e probabilmente molto di più. 

Fonte: l'autore Riccardo Sanna

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.