Finale di Europa League: l’Atlético sommerge il Marsiglia 3-0

Doppio Griezmann e capitan Gabi, i Colchoneros passeggiano sul Marsiglia di Rudi Garcia

di Filippo Serio
Filippo Serio
(12 articoli pubblicati)
trionfo atletico

Europa League, ultimo atto. Rudi Garcia schiera tutti suoi freschi fantasisti in un 4-2-3-1 con Payet, Ocampos e Thauvin alle spalle di Germain, preferito a Mitroglu, mentre in difesa Luiz Gustavo fa il centrale al fianco di Rami; Simeone, sostituito dal fedelissimo German "El Mono" Burgos, risponde dalla tribuna coi soliti noti ed il solito 4-4-2, centrali Godin e Gimenez, fasce a Vrsajko e Correa da una parte, Lucas Hernandez e Koke dall'altra; in avanti la bestia Diego Costa e il piccolo diavolo Griezmann.

Giocando in patria il Marsiglia può contare su un numero maggiore di tifosi, e trasforma l'adrenalina della finale in venti minuti giocati con grande intraprendenza: la prima gigantesca occasione capita a Valere Germain, che trovatosi davanti ad Oblak apre troppo il piatto e calcia alto; poi è Rami a provarci dalla distanza, ma il pallone esce a lato. Tanta ed anche troppa frenesia per l'OM, che al 22' paga l'errore di Anguissa sul controllo: l'Atletico pressa e permette a Gabi di recuperare il pallone e servire Antoine Griezmann che a tu per tu con Mandanda lo fredda facilmente e  porta in vantaggio i Colchoneros di Madrid. 

Il Marsiglia incassa il colpo allo stomaco e poco dopo si vede privato del suo uomo migliore, Dimitri Payet, che lascia il campo in lacrime per problemi fisici dopo soli 30 minuti; sconsolato, lascia i suoi in svantaggio ed impoveriti offensivamente, bisognosi di una nuova strategia. Ma a nulla servono i 15 minuti di intervallo, l'Atletico de Madrid domina sul campo e sull'umore dei francesi: al 49' Koke trova Griezmann con l'esterno filtrante, il francese batte di nuovo in uscita Mandanda con lo scavino e firma la doppietta. Da questo momento in poi il Marsiglia abbandona mentalmente il campo di gioco, mentre l'Atletico gestisce bene e sfiora il terzo gol con Godin, colpo di testa ad un soffio dall'incrocio dei pali. 

Garcia inserisce anche Mitroglu, che all'80° sfiora il gol della speranza ma il suo colpo di testa sbatte sulla base del palo di Oblak; l'episodio rinvigorisce un po' gli uomini dell'OM che arrivano spesso al tiro, ma ogni conclusione si rivela un nulla di fatto. I francesi non hanno nulla da perdere e si scoprono in difesa, concedendo a capitan Gabi di siglare il punto esclamativo sul trionfo dell'Atletico, ancora su assist di Koke. C'è tempo anche per l'ingresso in campo - l'ultimo, con la maglia dell'Atletico - di Fernando Torres, che gioca i due minuti che precedono il triplice fischio e la celebrazione del Cholismo. Ed è bellissimo vedere El Nino alzare la coppa nel cielo di Lione.

I VINCITORI: ELEGANZA E PRESSING: è stata ancora una volta la vittoria del Cholismo, quella filosofia calcistica con cui Simeone ha portato alla Madrid biancorossa il terzo trofeo da quando siede in panchina; è stata una gara di sacrificio per Diego Costa, che ha dovuto lasciare la scena all'uomo più atteso, Antoine Griezmann, elegante ed opportunista. Perfetto Godin in retroguardia, utilissimo Correa in chiusura, dominante in mezzo al campo Koke. E scalpitante in tribuna Diego Pablo Simeone.

I VINTI: SFORTUNA, GOFFAGGINE ED UN PO' DI EMOZIONE: La prima volta che una squadra francese arriva in finale di EL non si scorda mai, anche se la gara dell'OM è durata effettivamente una ventina di giri d'orologio: Germain si divora il vantaggio e poi sparisce, Ocampos ci prova ma si spegne dopo il primo tempo, sfortunatissimi Payet e Mitroglu, disastroso Anguissa con l'errore che lo frena per tutta la gara; i talentuosi N'jie e Lopez  risultano luci troppo flebili, nel Marsiglia si salvano solo Sanson e Sarr; l'emozione ha giocato un brutto scherzo ai ragazzi di Garcia, ma la finale non cancella l'ottimo percorso del Marsiglia in questa EL. 

Fonte: l'autore Filippo Serio

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.