Eriksen sopravvalutato: eterna promessa non mantenuta

Il danese appena passato all'Inter è passato dall'essere ''il nuovo Laudrup'' ad un normale buon giocatore

di Francesco Citro
Francesco Citro
(11 articoli pubblicati)
FC Internazionale Training Session

Eriksen non è un fuoriclasse, e probabilmente neanche un campione. Ottimo centrocampista, ma poco prolifico e incisivo, più apparenza che sostanza. Mai alcun titolo collettivo o individuale di spessore, salito alla ribalta tardi e ormai promessa decaduta a 27 anni. Nessuna candidatura al Pallone d'Oro, evanescente e quasi controproducente nelle partite di cartello, come quando per poco non elimina il Tottenham dalla Champions con un errore contro il Manchester City, che porta al goal annullato a Sterling. Raramente in doppia cifra sia per goal che per assist, è un ottimo calciatore senz'altro, forse tra i primi 20 centrocampisti al mondo, ma in Serie A meglio Pjanic il suo compagno Brozovic. Duttile ma incognita tatticamente, si perde nel marasma degli incompiuti, tanto che all'Ajax era stato accostato addirittura a Cruijff o comunque a Laudrup, suo connazionale, pur essendo in realtà tecnicamente due spanne sotto. Una promessa finora mancata e deludente, ma che ha nell'Inter e in Conte una spiaggia per mostrare che questi paragoni non siano poi così azzardati. 

Fonte: l'autore Francesco Citro

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.