Donne e pallone: la Juve e la Fiorentina… e l’Inter

Racconto di una domenica alternativa. La realtà del calcio femminile: Juventus-Fiorentina dall'Allianz Stadium e Inter in Serie A

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Women: Juventus-Fiorentina; Inter-Arezzo

Sembrava una Domenica un po’ meno Domenica del solito. Niente Serie A, a causa della sosta per le Nazionali. Invece il calcio non si è fermato. A Torino, all’Allianz Stadium, la Juventus apre le porte a tutti i tifosi per assistere gratuitamente al match tra le squadre femminili di Juve e Fiorentina (partita decisiva per il campionato con le bianconere davanti alle viola di un solo punto). E il pubblico risponde presente: più di 39.000 tifosi presenti, è una festa dello sport. Il pubblico è composto da sportivi, l'entusiasmo bianconero coinvolge tutto la stadio in cori e ole. Le bandierine bianco e nere sventolano al cielo. 

Ma c’è stata anche una partita, per niente brutta. Le ragazze in campo, visibilmente emozionate per la straordinaria cornice di pubblico, si giocavano la vittoria del campionato. Una partita per larghi tratti equilibrata, con entrambe le difese che concedevano ben poco alle avversarie. È un festival delle traverse: a inizio partita è la numero 10 bianconera, Girelli, a colpire la traversa; sempre lei, a inizio secondo tempo, colpisce nuovamente la traversa con un colpo di testa su calcio d’angolo. Tra il 67’ e il 68’ doppia traversa della Fiorentina, che pareggia così il conto della “sfortuna”: prima la gran botta della Guagni, con il pallone che prima colpisce il legno, poi rimbalza sulla linea e viene spedito in angolo dalla difesa bianconera; sullo stesso corner arriva l’ennesima traversa. La Juventus riesce a soffrire e, alla lunga, proprio come la squadra maschile, fa sua la partita facendo emergere il talento. All’83’ arriva il gol che decide la partita: cross dalla sinistra, esce malamente e a vuoto il portiere viola e il numero 14 bianconero, Pedersen (la migliore in campo per la sua ottima partita in fase di regia, oltre che per il gol), realizza la rete di testa a porta sguarnita. Sul finale la Fiorentina getta la spugna, la Juventus gestisce il vantaggio e ha qualche occasione per il raddoppio con le iniziative personali di Bonansea. 

Queste ragazze lottano meglio dei ragazzi. Per tutta la partita le calciatrici di entrambe le squadre non si sono risparmiate in impegno e corsa. In ogni contrasto, anche quelli più duri, hanno sempre messo il piede. Forse sono i calciatori della Serie A che ci stanno abituando male, con attaccanti sempre per terra e a protestare per ogni minimo contatto di gioco: le “femminucce” non sono certo le calciatrici. Tutte le volte che sono finite per terra era per infortuni abbastanza seri, il più serio di tutti quello della Salvai, costretta ad abbandonare il terreno di gioco (gli esami hanno evidenziato una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro). Emozionante la scena del festeggiamento delle juventine, che si sono fermate a salutare e ringraziare il pubblico, coinvolgendo nei festeggiamenti anche la sfortunata compagna di squadra Salvai, presa in braccio dalle compagne di squadra e portata con loro a cantare sotto la curva.

Per una Juventus femminile che, proprio come quella maschile, fa “quasi” suo il campionato di A, c’è una Inter femminile che conquista matematicamente la promozione in Serie A, e lo fa in gran stile! Le ragazze di De La Fuente battono per 6 a 0 l’Arezzo e conquistano la diciassettesima vittoria in campionato su altrettante partite giocate. Un cammino di campionato perfetto, che permette loro di essere matematicamente in A con ben cinque giornate d’anticipo.

Così l’anno prossimo ci sarà anche un Derby d’Italia tutto al femminile. Il tecnico della Juventus Women, Rita Guarino, ha parlato così in merito alla promozione nella massima serie delle ragazze nerazzurre: “È importante che anche altri club di prestigio come l'Inter si aggiungano alla Serie A femminile. Dobbiamo dare la possibilità a tutti di affezionarsi e appassionarsi a questo sport”. L’auspicio è che questa realtà sportiva continui a crescere, così come i tifosi che la seguono, arrivando a riempire nuovamente gli stadi italiani, anche a pagamento.

Women: Juventus-Fiorentina; Inter-Arezzo
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.