I dieci motivi per cui ricorderemo questo mondiale

Con la vittoria dellla Francia 4-2 sulla Croazia cala il sipario su Russia 2018, una delle edizioni piu' belle e spettacolari.

di Antonio Siracusa
Antonio Siracusa
(106 articoli pubblicati)
France v Croatia - 2018 FIFA World Cup R

La Francia e' campione del mondo per la seconda volta nella sua storia. A Mosca batte 4-2 la sorpendente Croazia non senza fatica. Si chiude un bellissimo mondiale che porta con se' almeno dieci motivi per essere ricordato.

1) La mancata partecipazione dell'Italia. Un evento che non accadeva dal lontano 1958. La speranza e'  che il nuovo corso di Roberto Mancini riporti gli azzurri ad essere protagonisti.

2) Organizzazione impeccabile. E' stato uno dei mondiali dal punto di vista organizzativo piu' riusciti di sempre. La Russia ha mostrato al mondo il suo lato migliore con un'organizzazione eccellente, con stadi gioiello e campi di gioco perfetti.

3) Tifosi sugli spalti. Sulle tribune dei bellissimi impianti russi si e' vissuta una vera e propria festa lunga un mese. Un fiume di gente che ha animato e colorato le partite del Mondiale, Si e' gioito delle vittorie ed anche delle sconfitte, tutti insieme, come un unico grande popolo, quello del calcio, unito dalla passione vera che non fa nessuna distinzione. Una bellissima atmosfera.

4) il flop delle grandi nazionali. L' Italia non ha preso parte a Russia 2018 ma anche le altre grandi nazionali non hanno brillato. Germania campione in carica fuori al primo turno, Argentina Spagna e Portogallo (campione d'europa in carica) eliminate agli ottavi, il Brasile ai quarti e con essi il flop dei giocatori piu' attesi, Messi Neymar e Cristiano Ronaldo.

5) le cadute di Neymar. Era uno dei piu' attesi, ma del suo mondiale deludente si ricorderanno solo le sue simulazioni e cadute che sono diventate talmente virali che si rischiano di oscurare il suo immenso talento.

6) il var. Per la prima volta la tecnologia e' stata introdotta in un mondiale e grazie ad essa numerosi errori sono stati evitati, non da ultimo il fallo di mano di Perisic nella finale di oggi, che senza la var, difficilmente sarebbe stato visto e concesso dall'arbitro.

7) favola Croazia. non c'e' stato il lieto fine che molti auspicavano, ma il suo cammino e' stato ugualmente straordinario. Oggi con la Francia per piu' di un'ora ha giocato nettamente meglio dei futuri campioni, ma solo due episodi sfortunati, la classe emergente dei terribili ragazzi di Deschamps e la fatica (la Croazia aveva sulle gambe 100 minuti in piu' rispetto ai transalpini) hanno impedito che il sogno diventasse realta'.

8) il mondiale delle sorprese. Non solo Croazia. Il flop delle favorite ha coinciso con gli exploit delle altre nazionali. L' inghilterra in semifinale dopo quasi trent'anni dall'ultima volta, Il Belgio che finalmente conferma il suo enorme potenziale arrivando terzo, miglior piazzamento di sempre nella sua storia, la Russia che arriva ai quarti e viene fermata solo ai rigori Insomma il mondiale piu' imprevedibile di sempre.

9) Francia campione. E' stata l'unica tra le big a non deludere ed e' arrivata ad essere meritatamente campione del mondo. La Francia e' la nazionale con l'eta' media piu giovane (26)  a trionfare in un mondiale. Mbappe' a 19 anni e' il marcatore piu' giovane, dopo un certo Pele', a segnare in una finale mondiale e c'e' da scommettere che insieme ai suoi compagni sara' uno dei protagonisti della scena mondiale per il prossimo decennio.

10) Tabarez. Voglio chiudere con  lui, Oscar Washington Tabarez, uno dei personaggi piu' belli di questo mondiale. Nonostante la malattia che ne debilitano il fisico ha guidato la sua nazionale e i suoi giocatori hanno risposto disputando un grande mondiale, fermati ai quarti solo dalla Francia campione e con Cavani in campo chissa' come sarebbe finita quella sfida. Le lacrime di Gimenez in barriera a due minuti dalla fine nella sfida con i transalpini spiegano bene l'attaccamento dei calciatori della celeste al loro tecnico e rimarranno impresse nella memoria, come la sua stampella diventata ormai purtroppo una compagna inseparabile. Eroico.

Appuntamento per tutti a Qarar 2022, un mondiale che ha gia' un motivo per essere ricordato. Sara' il primo ad essere giocato d'inverno.

Fonte: l'autore Antonio Siracusa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.