Cutrone destinato ancora alla panchina a Roma: perché?

Inspiegabile il destino di Patrick Cutrone, che pur avendo ampiamente dimostrato le proprie qualità, non riesce a conquistare la completa fiducia di Gattuso

di Giuseppe Di girolamo
Giuseppe Di girolamo
(120 articoli pubblicati)
AC Milan v Parma Calcio - Serie A

In circa una stagione e mezza di ottimo rendimento, Patrick Cutrone non è riuscito a ritagliarsi lo spazio che merita. Infatti, nonostante la sua giovane età, ha tolto le castagne dal fuoco diverse volte per i colori rossoneri, ma questo non è bastato, e non si capisce perché, affinché Gattuso lo consideri degno di una maglia da titolare . 

Benché nella scorsa stagione abbia dimostrato di essere di gran lunga il migliore degli attaccanti a disposizione del tecnico rossonero, gli veniva spesso preferito, almeno da inizio partita , il pallido Kalinic. Per fortuna riuscì almeno nell'impresa di farsi preferire ad André Silva, che nel Milan è stato pressoché inesistente. All'inizio di questa stagione, il ruolo di titolare era senza ombra di dubbio appannaggio di Gonzalo Higuain, che presto però si è intristito non ricevendo palloni giocabili là davanti; così per un paio di partite Gattuso ha provato a far convivere i due centravanti, ma spostando inspiegabilmente un rapace dell'area di rigore come Cutrone a sinistra nel tridente, lontano dalla porta, in una posizione per lui non congeniale, dove chiaramente ha arrancato. Quando è diventato chiaro a tutti che il Pipita avrebbe lasciato il Milan, Cutrone è diventato per breve tempo la prima scelta, ma incredibilmente, ora che è arrivato Piatek, sembra destinato nuovamente al ruolo di secondo.

Intendiamoci, se il polacco mantiene le promesse, e continua sulla strada che sta ottimamente percorrendo, per il Milan è un grande acquisto. Ma forse, avere a disposizione due attaccanti così diversi, e di così alto valore realizzativo, dovrebbe portare l'allenatore a fare una seria riflessione sul modulo di gioco. Perché rinunciare a priori alla possibilità di schierare un attacco potenzialmente devastante, come promette di essere quello composto dal duo italo-polacco? E' davvero impensabile cambiare modulo, ed adattarsi agli uomini che si hanno a disposizione, anziché mettere in panchina un giocatore che merita molta più considerazione, oltre ad essere uno dei pochissimi che in questi anni travagliati per i rossoneri, ha dato molto di più di ciò che ci si aspettava da lui? Tralasciando il fatto che dimostrato attaccamento alla maglia, e non ha chiesto un contratto da top player per rimanere, come invece altri suo compagni si sono sentiti in diritto di fare. Purtroppo viene il sospetto che proprio questo atteggiamento da ragazzo per bene, in questo mondo del calcio assolutamente miope e privo di riconoscenza, sia all'origine del suo continuo scivolamento all'indietro nelle gerarchie dell'attacco del Milan, ogni volta che un più reclamizzato compagno di reparto arriva a vestire la maglia rossonera.

Certo, le considerazioni da bar sport vengono spontanee in situazioni come queste: se solo fosse uno straniero, se solo avesse un certo procuratore, se se se.....però nei luoghi comuni, esattamente come nei detti popolari che si tramandano da generazioni, c'è sempre un fondo di verità. Io starei molto attento se fossi nel Milan, e nei milanisti, perché anche chi è dotato di buone maniere, e non si fa largo a spintoni, può perdere la pazienza e decidere di prestare altrove i propri servigi. Poi però non si salti su a dire che questi ragazzi sono dei mercenari.

Fonte: l'autore Giuseppe Di girolamo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.