Coppa Italia: un regolamento da rivedere per riacquistare visibilità

La competizione nazionale entra nel vivo con l'ingresso delle big

di Giovanni D'elia
Giovanni D'elia
(55 articoli pubblicati)
Coppa Italia

L'anno nuovo è appena iniziato e come ormai d'abitudine prendono la scena le big nella competizione tutta italiana. Sono 78 le squadre partecipanti alla Coppa Italia, chiamata ormai Tim cup. Per i campionati di calcio 2018-2019, 2019-2020 e 2020 e 2021 potranno prendere parte alla competizione le società iscritte alla Serie A (20) e alla Serie B (22), per un totale di 42.  Le restanti 36 società provengono dai Campionati di Prima Divisione e Seconda Divisone (27) più 9 segnalate direttamente dal Comitato Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti.

Questa formula mi trova d'accordo solo in parte. È giusto che una squadra che milita nella terza Serie del calcio Nazionale, se dovesse arrivare a giocare partite importanti, in palcoscenici prestigiosi, lo facesse tramite un percorso a tappe, tutto ciò  è  molto più  affascinante e romantico. Sono invece meno favorevole nel far giocare le big soltanto da Gennaio, dunque a partite dagli ottavi. In questa maniera questo prestigioso trofeo perde visibilità e importanza; il sogno di società meno forti di affrontare le "grandi squadre del nostro calcio", diventare eroi per una notte e proseguire il sogno, diventa meno possibile e a mio parere meno romantico. Un segnale forte e deciso è dato dal fatto che la fase preliminare non interessa praticamente più a nessuno e le "big del nostro campionato" risparmiamo i giocatori più importanti e decisivi fino alla semifinale, o addirittura fino alla finale. Regolamento, dunque, da cambiare.

Prima di diventare noioso e concludere questo articolo, volevo ricordare a tutti voi che a partite da questa edizione della competizione c'è il sorteggio del campo di gara per le sfide degli ottavi, dei quarti e delle semifinali tra formazioni di Serie A. Questa volta la decisione della Lega Calcio mi trova assolutamente favorevole, scelta giusta e doverosa.

Fonte: l'autore Giovanni D'elia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.