Coppa Italia : domani si riparte

Domani sera, allo Stadium di Torino, va in scena il primo degli ultimi due atti di Coppa Italia prima della finale

di Gabriella Ricci
Gabriella Ricci
(9 articoli pubblicati)
Coppa Italia

Quello che fino a 3 mesi fa sembrava un pensiero illusorio e forse lontano anche dalla nostra immaginazione, tra 24 ore prenderà forma in una casa che a distanza di 90 giorni ritrova la sua legittima proprietaria.

Lo Juventus Stadium è infatti pronto a riaprire le porte alla sua Vecchia Signora che certamente, se avesse potuto, non avrebbe mai voluto tenere spente le luci di casa per così tanto, troppo tempo. Proprio qui, lo scorso 8 marzo, andava in scena Juve-Inter, uno scontro titanico in uno stadio in cui a rimbombare non erano le urla dei tifosi, ma quelle di due tecnici che sapevano di starsi giocando un pezzo di quel puzzle chiamato scudetto.

Sempre allo Stadium, domani sera, la Juventus ritrova l'altra milanese, quella allenata da Stefano Pioli, che alla vigilia ha presentato la semifinale di Coppa Italia tra il rammarico della squadra per il passato e l'incertezza per il suo futuro da allenatore : "Abbiamo affrontato due volte la Juventus in questa stagione, sono sempre state gare difficili per entrambe le squadre ed in entrambi i casi siamo sempre usciti dal campo con qualche rimpianto in termini di risultati. Futuro? Difficilmente nel mio passato a 14 giornate dalla fine conoscevo già il mio futuro professionale. Ho un solo obiettivo : dare il massimo e ottenere il massimo da questa stagione, perchè ci sono ancora obiettivi importanti". 

Parole chiare e a scanso di equivoci quelle del tecnico del Milan, che ha anche palesato le sue preoccupazioni sulla condizione fisica della squadra dopo una sosta così lunga :"Tornare a giocare è ciò che conta di più e bisogna farlo in sicurezza. Il calendario così fitto è una novità e lo sarà per tutti, tra l'altro andremo incontro ad alte temperature. Ci sarà da stare attenti curando soprattutto recupero e alimentazione. Non saremo al 100% e non lo saranno nemmeno i nostri avversari". 

"Vogliamo riportare il Milan in Europa - ha aggiunto - e abbiamo due strade da percorrere : campionato e Coppa Italia, che ci giochiamo prima".

Mentre però a Milannello fanno eco le dichiarazioni di Zlatan Ibrahimovic - che avrebbe espresso il suo malcontento nell'aver ritrovato una squadra fin troppo diversa da quella del suo glorioso passato e in cui si sentirebbe pronto a restare solo per passione - dal centro sportivo Continassa, Maurizio Sarri ha voluto sottolineare ai microfoni di Sky che il risultato dell'andata (partita terminata 1-1 con il rigore segnato da CR7 al primo minuto di recupero) non può e non deve far dormire sonni sereni alla sua squadra :"Abbiamo la fortuna di giocare per tre obiettivi e di poterlo fare separatamente l'uno dall'altro. Con il Milan quest'anno per noi sono state tutte partite difficili, sia in campionato che in coppa. Si tratta di un avversario che ci crea delle difficoltà e il risultato dell'andata non ci garantisce niente". 

Nonostante il Milan dovrà fare a meno degli squalificati Ibra, Theo Hernandez e Castillejo, ha anche detto :"Tutto lascia pensare che giocheranno con un undici competitivo . E' una partita dal risultato ancora apertissimo".

"Se siamo pronti ce lo dirà il campo - ha evidenziato - veniamo da un'interruzione anomala e passiva, in cui i ragazzi sono stati sul divano e si sono allenati a casa. Non possiamo avere certezze, vista anche la mancanza di amichevoli".

Chi certamente sarà presente in campo domani sera saranno due fuoriclasse che di cognome fanno Ronaldo e Dybala, per cui Sarri ha speso parole al miele :"Il nostro futuro e i nostri tre obiettivi stagionali passano da Cristiano Ronaldo. Lui e Dybala, che è un giocatore fenomenale, possono fare la differenza in qualunque azione, però è chiaro che la nostra difficoltà dal punto di vista tattico è quella di far giocare insieme due giocatori così atipici. Ciò nonostante, è una difficolta piacevole"

Dunque tutto è pronto : domani alle 21:00 si torna a fare sul serio.

Orsato, arbitro designato per la gestione della gara, ha già il fischietto in bocca. Palla al centro, si gioca!  

Fonte: l'autore Gabriella Ricci

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.