Conflitto Icardi-Spalletti, quante teste decidono all’Inter?

Troppe le contraddizioni nella società nerazzurra per non pensare a lotte intestine

di Francesco Poli
Francesco Poli
(33 articoli pubblicati)
Foto by calciointernet

Spalletti non sarà più l'allenatore dell'Inter la prossima stagione. Ormai lo sanno tutti, ma la domanda da porsi è la seguente: chi ha scelto un tecnico che era evidente per le sue attitudini tattiche sarebbe entrato in rotta di collisione con un centravanti d'area come Icardi?

A parte gli aspetti caratteriali e psicologici, infatti, il conflitto tra MI9 e l'ex allenatore della Roma  è ancor prima calcistico. Per uno come Spalletti persino un centravanti come Dzeko non lavorava abbastanza per la squadra e lo punzecchiava pubblicamente ad ogni intervista, ma allora perchè rivolgersi a lui?

Forse ha ragione Wanda Nara quando dice che la società nerazzurra voleva vendere Mauro già l'estate scorsa e persino due anni fa? Situazioni contraddittorie che si ripetono come quella Rafinha-Nainggolan (trequartista puro o mezz'ala mascherata?), le quali ci dicono che c'è un conflitto interno all'Inter, varie anime si scontrano, ma forse sarebbe ora di trovare una soluzione.

Per costruire una squadra di calcio non possono esserci troppe teste, la gestione collettivista prima di Thohir e ora di Suning sta creando molti problemi. E' tempo di chiarezza.

Fonte: l'autore Francesco Poli

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.