Perché l’Inter, ora, deve puntare all’Europa League

Fuori dalla Champions League, la squadra di Spalletti deve provare ad arrivare in fondo all'Europa League

di Enrico Callovini
Enrico Callovini
(5 articoli pubblicati)
MILAN ITALY - SEPTEMBER 18 Mauro Icardi

Era pronosticabile, a sorteggio fatto, che l'Inter sarebbe finita in Europa League, d'altronde Barcellona e Tottenham sono qualitativamente più forti e hanno sicuramente quell'esperienze che ai nerazzurri, dopo 7 anni lontani dalla maggiore competizione europea per club, manca. Era pronosticabile, è vero, ma il girono era partito in tutt'altra maniera, con due vittorie nelle prime 3 gare, un secondo posto a +5 dagli inglesi e un esponenziale aumento delle possibilità di passare il turno. La doppia sfida col Barcellona (terza e quarta giornata) hanno dato all'Inter un solo punto, che permetteva però alla squadra di Spalletti di poter staccare il pass per gli ottavi con un turno d'anticipo, pareggiando o vincendo a Wembley. Sappiamo come è finita e ormai si sa come è finita pure contro il PSV a San Siro, quello che ora conta è che l'Inter è in Europa League, e deve fare di tutto per arrivare fino in fondo.

Le italiane sono solite a trascurare questa competizione, preferendo l'ampio turnover alla miglior formazione, cercando di concentrare le forza sul campionato, anche a cause delle trasferte lunghe e stancanti che l'Europa League offre. Forse è arrivata l'ora di cambiare marcia, di cambiare idea su questo torneo e di provare veramente a fare qualcosa di importante. L'inter, così come il Napoli, dispone di una rosa che, insieme all'Arsenal di Emery e il Chelsea di Sarri, possono essere considerate come favorite assolute, per questo motivo e per il fatto che ora l'Inter può permettersi determinate rotazioni non perdendo in qualità (Keita-Perisic; Lautaro-Nainggolan; Miranda-De Vrij) deve assolutamente giocare al massimo delle capacità. 

Il motivo è più che semplice. Vincere aiuta a vincere, e alzare dopo tanti anni un trofeo darebbe una grande spinta per il percorso che l'Inter ha iniziato lo scorso anno con Spalletti. Dopo il ritorno in Champions League, seppur con l'eliminazione, l'andare fino in fondo e magari portare a casa la coppa farebbe fare uno step in più ai nerazzurri che potrebbero così continuare il loro percorso di crescita.

L'Europa League non è la Champions, è vero, ma aiuta a crescere. L'Atletico Madrid insegna.

Fonte: l'autore Enrico Callovini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.