Juve: una notte in Champions da veri leoni

Con un netto 3-0 la Juventus schianta l'Atletico e si qualifica ai quarti. Merito di un Ronaldo da sogno.

di Maurizio Satta
Maurizio Satta
(13 articoli pubblicati)
Ronaldo

Certe serate sono destinate a non finire mai. Quella adrenalina a mille e la salivazione azzerata non possono durare solo 90 minuti. La Juventus ha realizzato una rimonta che pareva ai limiti dell’impossibile. La sua arma stavolta si chiama Cristiano Ronaldo. Un cecchino spietato, che con l’Atletico si esalta: 23 reti in 33 partite. Lui, che aveva lasciato Madrid, per fare il trascinatore a Torino e riportare quella coppa, per molti anni sfiorata ma mai raggiunta. Tutto questo accade in uno Stadium da record d’incasso 5 milioni  di euro

La partita parte con gli animi subito accesi: Chiellini si vede negare la gioia del goal per il fallo di Ronaldo su Oblak. Ma al 27′ Ronaldo trova la via del goal con un traversone sul secondo palo di Bernardeschi, svetta su Juanfran e di testa deposita in rete. Al 49′ la storia si ripete: da un cross in area di Cancelo, un altro colpo di testa di Ronaldo porta sul 2 a 0, nonostante la deviazione di Oblak supera la linea di porta. Al 86′ un brutto fallo di Correa ai danni di Bernadeschi fa assegnare all’arbitro il calcio di rigore.  Dal dischetto il solito Ronaldo, che realizza una tripletta. Dopo il fischio finale la festa bianconera può iniziare.   

Fonte: l'autore Maurizio Satta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.