Champions League, la Serie A tenta il poker

Le urne di Montecarlo hanno sorteggiato gironi difficili, ma non impossibili per Juventus, Napoli, Inter e Atalanta, fiduciose di fare l'en plein in Champions

di Marco Alborghetti
Marco Alborghetti
(12 articoli pubblicati)
La Champions League

La Fortuna aiuta gli audaci. O quantomeno questo è quello che sperano i tifosi di Juventus, Inter, Napoli e Atalanta alla luce dei sorteggi di Montecarlo.

Le urne sono imprevedibili, e anche quest'anno presentano gironi tutti da seguire, perché nel calcio di certo non c'è mai niente.  La Juventus parte dalla certezza della prima fascia, con la fortuna di trovare subito l'Atletico Madrid sbattuto fuori la scorsa stagione e che nel girone potrà solo contendere con i bianconeri il primato del gruppo.  Bayer LeverkusenLokomitv Mosca non posson impensierire CR7 e compagni, ma occhio a non sottovalutarli, perché le insidie sono sempre dietro l'angolo.

Anche per il Napoli ancora una volta la certezza si chiama Liverpool. Dopo le strepitose partite disputate l'anno scorso e l'amichevole estiva vinta da Carlo Ancelotti, si rinnova lo scontro con Klopp per il vertice del gruppo, in cui si spera che Salisburgo e Dinamo Kiev non riportino alla mente le inspiegabili cadute contro Shakhtar e Stella Rossa, apparentemente inferiori alla squadra partenopea, ma in una condizione psicologica che potrebbe nascondere qualche insidia.

Revival di emozioni anche per l'Inter che per la seconda volta consecutiva pesca nel gruppo il Barcellona. L'anno scorso la qualificazione passò su ben altri campi,  e nonostante ci fosse ancora Icardi in attacco, la squadra meneghina palesò un'inferiorità di  gioco e grinta che costò il passaggio del turno. Quest'anno però con Conte alla guida ci si aspetta di trovare proprio quello che è mancato la scorsa stagione, perché senza Messi i blaugrana sembrano meno spaziali e cattivi di un tempo. La terza incomoda tra le due squadre potrebbe rivelarsi il Borussia Dortmund, squadra dinamica, giovane e molto tecnica da non sottovalutare. Lo Slavia Praga dovrebbe trattarsi di una semplice formalità, ma il condizionale è d'obbligo in Champions.

Dulcis in fundo, ecco l'italiana più fortunata secondo gli ottimisti: l'Atalanta di Gasperini. Quando parti dalla quarta fascia, lo spauracchio delle big incombe senza sosta, ma questa volta i sorteggi per la Dea si sono rivelati fortunati. 

La fuori categoria è il City di Guardiola, tra le poche squadre capaci di impensierire il Gasp sotto il profilo del gioco e del ritmo, ma la spensieratezza di questa squadra potrebbe rendere lo scontro tra i due maestri di calcio uno dei match più affascinanti e divertenti dell'intera competizione. Abbordabili per definizione, ma solo per chi non le conosce sono Shakthar e Dinamo Zagabria, inferiori nel gioco alla squadra orobica, ma con un'esperienza internazionale che potrebbe rivelarsi il vero tallone d'Achille per i nerazzurri.  Il secondo posto non è una chimera come in molti vaticinavano prima dei sorteggi, e proprio perché l'Atalanta ha dimostrato di non avere confini di rendimento, anche i bookmakers hanno iniziato a volare bassi con le quote sul passaggio del turno.

Gironi ostici, dunque, per motivi diversi, ma una cosa è certa: le italiane sono pronte a dare battaglia, e sul lungo tavolo della Champions, il poker d'assi non è poi così difficile da estrarre.

Fonte: l'autore Marco Alborghetti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.