Champions in Baviera, i tedeschi non scherzano mai e vincono i trofei!

Cronaca di una vittoria annunciata e l'esempio di un calcio senza fronzoli fatto di uomini veri prima che campioni in campo

di Luca Sala
Luca Sala
(218 articoli pubblicati)
Danke

Onore al Bayern Monaco giunto alla sua sesta Coppa dei Campioni, curiosità vuole sia lo stesso numero di Coppa Uefa o Europa League che dir si voglia  del Siviglia  in questa rivoluzionata e avvincente fase  finale dei  2 massimi tornei continentali per club.

Gary Lineker uno dei più grandi attaccanti della storia recente non solo inglese, ora commentatore per la tv britannica , sostiene che "il calcio sia uno scontro di 11 contro undici in cui a vincere siano in genere i tedeschi". Come dargli torto...

La cosa che più mi ha colpito di questo magnifico Triplice trionfo giunto dopo campionato e coppa nazionali è la disarmante normalità di Hansi Flick in panchina ,una rarità di questi tempi,  simile a Zinedine Zidane  a Madrid  per stile e sobrietà senza tuttavia essere stato calciatore di rinomata classe e carisma come il  franco-algerino . I giocatori tedeschi notoriamente essenziali nel loro stare  in campo e fuori con lui si sono esaltati sentendosi liberi da schemi o forzature tattiche, esprimendo da subito tutta la proverbiale loro potenza e tenacia abbinate naturalmente alla buona base tecnica imparata come da tradizione fin dalle giovanili.  Quando inanelli 11 vittorie su 11 partite di Champions non serve aggiungere altro , se non doverosamente che dall'altra parte i degni antagonisti del Psg  giunti con pieno merito a giocarsi la prima finale abbiano letteralmente gettato al vento almeno un  paio di nitide e facili occasioni di segnare con la premiata ditta Mbappé & Neymar associati negli errori.

Degne di menzione tra gli sconfitti le prestazioni maiuscole del capitano Thiago Silva giunto al passo d'addio- spererei di ammirarlo ancora una volta in Italia-  di un tenacissimo Bernat inesauribile motorino in fascia, oltre che del solito cuor di leone e ottimo difensore goleador Marquinhos. Chi oggi gode della loro sconfitta sostenendo che nel calcio non vinca necessariamente chi spende oltremisura come fanno gli emiri loro padroni, farebbe meglio a pensare al vero, innegabile e inesorabile fallimento italiano  che accomuna poveri e ricchi, Atalanta e Juventus, Inter e Napoli senza soluzione di continuità, con dirigenti e presidenti al solito pressapochisti o semplicemente incompetenti e per niente lungimiranti come allenatori esagitati ed umorali, con parrucchino o senza.

Non si spiegherebbero diversamente i trionfi personali  nelle file bavaresi del match winner Coman  ma anche e soprattutto degli ex interisti Perisic e Coutinho malamente prestati , venduti o allenati che dir si voglia.

Non ci resta che consolarci con  l'arbitraggio di un italico Orsato dai più esaltato ma al solito niente di  straordinario, questo del resto passa il misero convento, di certo aggiudicarsi  un trofeo internazionale vale molto di più di 10 scudetti consecutivi .

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. SportsMan - 3 settimane

    Solidità tedesca al solito redditizia ,l’autore lo sottilinea opportunamente da par suo.

  2. SportsMan - 3 settimane

    Impeccabile pezzo sugli impeccabili trionfatori della Champions.

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.