Champions: Ajax eroico in semifinale, Juve meritatamente a casa

Ronaldo illude i padroni di casa, poi Van de Beek e De Ligt riportano la Juventus nella sua dimensione

di Davide Manca
Davide Manca
(396 articoli pubblicati)
Juventus v Ajax - UEFA Champions League

Per l'ennesimo anno si espone la mediocrità di un allenatore con un organico al di sopra del proprio livello - da cinque anni è una delle rose più forti a livello mondiale - che, pur non avendo né un gioco definito né la forza per creare una squadra solida a livello fisico o mentale, è riuscito a collezionare talmente tante competizioni nazionali da essere uno dei tecnici più vincenti, forse dietro solo a un paio di allenatori delle britanniche Celtic e Linfield.

Non è la prima volta che succede nella storia del calcio: Fabio Capello ha goduto del lavoro di Sacchi e ne ha vissuto di rendita per anni, indimenticabile la Champions vinta passando un girone ridicolo con 4 pareggi (tra cui un doppio 0-0 con l'Anderlecht) e 6 gol fatti, forse record per il minor numero di reti realizzate da un club finito al primo posto in un girone di Champions. Allegri delude ancora quanto conta, è una sorta di "Higuain della panchina": anche questa sua stagione si rivela un fallimento.

Poco prima della mezz'ora Cristiano Ronaldo sigla l'1-0 - terza volta di fila in gol in Champions - l'Ajax reagisce subito e trova il pareggio: tiro sporco di Ziyech, Van de Beek lo ripulisce e insacca tranquillamente (Bernardeschi lo tiene in gioco). Gli olandesi escono dagli spogliatoi più pimpanti, giocano meglio, giocano realmente a calcio, si vedono stralci sparsi del calcio totale di Rinus Michels, gli avversari sono in bambola e per lunghi tratti non riescono a uscire dalla propria metà campo. Ziyech si mangia il gol del sorpasso, poco più tardi ci prova anche Van de Beek, Szczesny compie un paio di miracoli e tiene il punteggio in parità.

Ronaldo alza il ritmo di una squadra sulle gambe e con una giocata da fuoriclasse manda in porta Kean, l'attaccante calcia a lato da buona posizione: è l'ultima occasione nitida per i bianconeri. Pochi minuti più tardi, sull'ennesima azione offensiva, i Lancieri si procurano un corner: De Ligt svetta su Rugani e Alex Sandro e firma il definitivo 2-1. La Juventus non si riprende e rischia più volte il 3-1. L'Ajax ribalta tutti i pronostici della vigilia, non bastano i suoi miracoli, Ronaldo (dopo 9 anni) e la Juventus non vedono nemmeno la semifinale.

FC Bayern Muenchen v Ajax - UEFA Champio
Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.