Campo e mercato: il caso Icardi fa debole l’Inter. Soluzione Napoli?

Un nuovo acquirente aiuterebbe l'Inter a sbloccare la situazione Icardi, ma sarebbe meglio uno meno bravo di ADL a sfeuttare le debolezze dell'interlocutore.

di Roberto Rossi
Roberto Rossi
(35 articoli pubblicati)
Icardi

Luglio è agli sgoccioli e mentre Conte trova in un Perisic non adatto a coprire tutta la fascia un nuovo difetto di rosa, in attacco restano vacanti i posti assegnati ai nuovi titolari. Situazione che il caso Icardi contribuisce a non sbloccarere la situazione.

Molto si è parlato di un possibile approdo alla Juventus, ma di passi concreti i bianconeri non ne hanno compiuti. Il 9 non restituito ad Higuain viene considerato un indizio, ma per ora ha prodotto solo ipotesi su tattiche per portarlo via ad in prezzo di favore. 

Un diverso compratore aiuterebbe ad uscire dall'impasse, renderebbe decifrabili le intenzioni dei campioni d'Italia e restituirebbe valore ad un cartellino deprezzato dagli eventi. Sul mercato italiano l'alternativa sarebbe stata individuata nel Napoli e questo ci porta ad augurare buona fortuna ai nerazzurri. Ne avranno bisogno.

Trattare con Aurelio De Laurentiis  non equivarrebbe a liberarsi dalla morsa attendista della Juventus, ma consegnarsi con le mani legate al presidente più bravo a capitalizzare la debolezza dell'interlocutore.

Una particolarità notata e ben sintetizzata dall'ex tecnico nerazzurro Corrado Orrico in una puntata "Calciomercato-L'originale" (SkySport) di qualche qualche settimana fa: "la particolarità di ADL è che fa il prezzo dei suoi calciatori e vuole fare anche quello degli altri". 

Erano i giorni della trattativa per Manolas e l'azzurro definiva eccessivo il valore del cartellino fissato dalla clausola, 36 milioni. Probabilmente è vero il contrario. Nominalmente si è rassegnato a pagarla, nei fatti si è ripreso 21 di quei 36 milioni, cedendo Diawara ai giallorossi, che se lo sono dovuti far piacere.

La stessa situazione si è riproposta con James Rodriguez, pupillo di Ancelotti: "Perché il Real dà James in prestito al Bayern e a noi no?"

La risposta all'interrogativo non pare così complicata: sono passati due anni dopo i quali il Real se l'è visto tornare indietro, se la cosa si ripetesse il prossimo anno, Perez si troverebbe a gestire il colombiano ad un anno dalla scadenza.

Un gigante del calcio come il Real, potrebbe mai lasciarsi prendere per il collo dal presidente del Napoli? 

Così ADL ha chiuso gli occhi, ha alzato il naso al cielo e, respiro profondo, ha ripreso a cercare nell'aria il profumo della debolezza.

Fonte: l'autore Roberto Rossi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.