Il voto al mercato dell’Inter di Conte

Il comune denominatore dell'Inter è sempre lo stesso: quello di vincere il tricolore.Ci riuscirà l'allenatore più pagato della Serie A?

di Arsenico 17
Arsenico 17
(5 articoli pubblicati)
FC Internazionale v SSC Napoli - Coppa I

Da un anno a questa parte l'obiettivo dell'Inter è sempre lo stesso:  Vincere il tricolore.

ATTACCO: VOTO 6.5
Nel reparto offensivo per i nerazzurri non si segnalano movimenti di mercato degni di nota sia in ingresso sia in uscita. Sono rientrati alla base, rispettivamente dal Genoa e dal Bayern Monaco, la giovane punta centrale Pinamonti e l’esperta ala croata, Ivan Perisic. Attualmente entrambi i calciatori fanno parte, a tutti gli effetti, della rosa nerazzurra. Ma saranno utili per il progetto tecnico e tattico di Antonio Conte? Johann Wolfgang von Goethe avrebbe parlato di mancanza di affinità tecnica. Su #Pinamonti si coglieva la bellezza di non diventare mai vecchi. Stiamo parlando di un ragazzo molto giovane di ben 21 anni. All'attivo un discreto bottino: 26 marcature in 73 presenze con la maglia della Nazionale giovanile. Nelle squadre di club in cui ha militato, il ragazzo non ha dimostrato di valere le grandi aspettative riposte dagli acquirenti. #Ivan Perisic tecnicamente non si discute. Il calciatore ideale per un 4-3-3 di Zemaniana memoria. Un’ala veloce e tecnica nonchè un assist man eccezionale. Il 3-5-2 di Conte per Ivan non è applicabile perchè per il salentino i terzini devono saper sia offendere sia  difendere per tutta la fascia di competenza. Il croato andava ceduto per reinvestire in un attaccante d’esperienza per far fiatare Romelu Lukaku. #Alexis Sánchez si può definire la classica ciliegina su una torta gustosa da conservare in frigo. Fortissimo tecnicamente tanto da essere soprannominato il Niño Maravilla. Titolare inamovibile della gloriosa nazionale cilena con la quale ha vinto 2 Copa América (Cile 2015, Usa 2016).

CENTROCAMPO: VOTO 6.0
Per riavere alla sua mercé #Arturo Vidal Antonio Conte avrebbe fatto carte false. Il tecnico salentino si sentiva triste e solo in quel di Milano: e tutto l’amore gli arrivava di colpo quando pensava al suo amato cileno. Questa operazione di mercato insinua il dubbio sulla convivenza calcistica del forte cileno con il danese Eriksen. Sulla carta l’uno dovrebbe escludere l’altro perché risulterebbe troppo sbilanciata una formazione con il cileno e il danese in campo. Poi sulla trequarti c’è un certo Radja Nainggolan. Se mettesse una volta per tutte la cresta a posto il belga potrebbe essere considerato, a tutti gli effetti, un nuovo acquisto per i nerazzurri. Detto questo il “guerriero” Arturo Vidal è sempre meglio averlo nella propria squadra che contro.

DIFESA: VOTO 7.5
Hakimi dal Borussia Dortmund, Kolarov dalla Roma e Darmian dal Parma sono i tre fiori all’occhiello in difesa dei nerazzurri. Marotta è una vecchia zebra spelacchiata. Per il forte terzino marocchino,  #Hakimi, il buon Peppe si è mosso con largo anticipo con l’intento di sbaragliare l’agguerrita concorrenza. È un colpo da novanta e da dieci per il dirigente lombardo. Anche perché di questi tempi avere un eccelente terzino in rosa è una merce sempre più rara in Serie A. Docet la Roma scudetto di Capello che aveva in rosa un certo Cafu. Per referenza approfondita chiedete a Nedved. A distanza di anni l’ex centrocampista laziale di rado si affaccia alla finestra della sua piccola villetta con la speranza di ritrovare nel cielo di Torino quella sfera luminosa che a Roma l’ha abbagliato fino a renderlo "ceco". Mettere un #Kolarov in rosa ha un effetto risanante per tutte le strutture portanti dello spogliatoio. Se un anno fa lo spogliatoio dell’Inter c’erano 10 pilastri portanti, beh adesso ce ne sono 11. Considerando ormai Cafu come l’unità di misura del terzino: il brasiliano passò dalla Roma al Milan alla veneranda età di 33 anni (un anno in meno rispetto a Kolarov). Sappiamo tutti come è andata a finire quell'avventura  milanese per il brasiliano: 2 Supercoppa Uefa, 1 Uefa Champions League e 1 Coppa del Mondo per Club.  #Darmian è un terzino di affidamento ma di modeste caratteristiche tecniche; Conte riuscirà nell'impresa ardua di trasformare un asino in un Varenne?

Arsenico17

Fonte: l'autore Arsenico 17

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.