Se il campionato iniziasse oggi: la griglia di partenza della Serie A

Juve verso l"8° scudetto; la Lazio crescere se tiene le stelle; il mercato migliora l'Inter, non la Roma ma resta da Champions. Europa League per Napoli e Milan

di Roberto Rossi
Roberto Rossi
(31 articoli pubblicati)
FC Internazionale Unveils New Signing Ra

Immaginare quali potranno essere i rapporti di forza tra le principali protagoniste del nostro campionato può apparire al momento prematuro, di fatto il mercato deve ancora entrare nel vivo e fino alla fine ci offrirà virtuali sorpassi e controsorpassi, ma già i primi colpi hanno determinato un cambio di equilibri rispetto alla classifica finale della stagione scorsa.

La corsa riparte dal secondo posto in giù, poiché, a prescindere da Cristiano Ronaldo, la Juventus pare consolidare la propria egemonia sul campionato.

Si cresce aggiungendo, ma anche riuscendo a confermare talenti che sono in un momento di crescita prepotente. È il caso di Milinkovic Savic, che in attesa di una offerta da 150 milioni è ancora la punta di diamante di una Lazio che al proprio arco annovera frecce dal talento cristallino come la rivelazione della scorsa stagione, Luis Alberto, e, Premier League permettendo, il recuperato Felipe Anderson; ma soprattutto uno dei re della classifica marcatori, il bomber Ciro Immobile. I biancocelesti hanno cambiato poco, hanno margini di crescita e, anche se la classifica dice che il punto di partenza è il 5° posto, chi ha seguito il campionato non può non riconoscere e tener conto dei gravi torti che nonostante il Var ne hanno reso periglioso il cammino a partire dalla sfida casalinga contro la Fiorentina, quando ancora seguiva a pochi passi di distanza le prime due del torneo.

Sul terzo gradino del mio personale podio metto l'Inter, l'unica che il mercato ha migliorato in maniera evidente e, dettaglio da non sottovalutare, il rafforzamento è avvenuto a spese delle dirette concorrenti: De Vrij, Asamoah e Nainggolan completano l'organico di quelle caratteristiche che prima non permettevano a Spalletti di perseguire il proprio ideale tattico.

Scivola al quarto posto la Roma, della quale ho già avuto modo di scrivere (qui). La squadra si è molto rinnovata, perdendo dopo Salah anche il secondo Nainggolan) dei tre tenori che avevano fatto le fortune dei giallorossi durante lo Spalletti bis. Gli acquisti sono interessanti ma non offrono certezze, ma sembra conservare sufficienti capacità da non mettere in pericolo l'obiettivo Champions.

Prima tra quelle che non reputo all'alezza della corsa Champions è il Napoli. La perizia tattica di Sarri aveva trasformato in oro anche i tic di calciatori che la classifica ha valorizzato ben oltre le qualità individuale. De Laurentiis avrebbe dovuto sfruttare l'occasione per vendere il più possibile ora che tutto quel che luccica sembra oro, e mettere a disposizione di Ancelotti una squadra nuova, talentuosa ed affamata, avrà invece i reduci del fallito "patto scudetto".

Lotteranno per un posto in Europa League Atalanta, Fiorentina, Milan e forse il Torino. Così è fino alla prossima griglia di partenza.

Torino FC v SS Lazio - Serie A
Fonte: l'autore Roberto Rossi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.