Messi fai un pensierino alla Serie A

Lionel Messi in Serie A, quello che sembrava impossibile ora lascia uno spiraglio per un sogno

di Francesco Fiori
Francesco Fiori
(86 articoli pubblicati)
Messi

Messi e Cristiano Ronaldo contemporaneamente in Serie A. Quello che abbiamo invidiato alla Liga spagnola potrebbe essere, operazione fantamercato, una possibilità per la prossima stagione.

Con la crisi tra Barcellona, l'addio di Valverde, le esternazioni del ds Abidal ecco che Messi può riflettere sul futuro. Può farlo addirittura come parametro zero. Sì, perché una clausola sul suo contratto permetterebbe a Lionel di essere svincolato in estate, dando un preavviso di 30 giorni, nonostante abbia una clausola rescissoria di 700 milioni.

Nella notizia della crisi tra Blaugrana e Messi subito si drizzano le antenne di varie squadre mondiali, quasi fossero in attesa della dolce notifica e quindi diamo spazio ai sogni.

Messi imita CR7 e lascia la Liga per una nuova avventura.

Manchester City: Messi troverebbe un pezzo di pianeta Barcellona a Manchester. Guardiola, ritroverebbe il suo gioiello e lo stipendio ipotizzato, dai 50 milioni in su per esser meglio di CR7, non sarebbe un problema per il sultano Mansour, uomo da un patrimonio di 30 miliardi di euro.

Psg: In Francia Messi ritroverebbe il suo amico Neymar, più volte richiesto per un ritorno al Barcellona, non ci sarebbero problemi di stipendio ma il campionato non ha un grosso appeal.

Juventus: Affiancare a Cristiano Ronaldo, uomo da 5 palloni d'oro, Messi. Già basterebbe questa frase per scatenare l'ira di Dio. Più semplice invece vedere Messi alla Juve non di fianco a Ronaldo ma al posto di CR7, con il degno sostituto del portoghese e di un'operazione finanziaria che rumors interni bianconeri definiscono ancora un suicidio. 

Attenzione poi al decreto crescita introdotto lo scorso 30 aprile in Gazzetta Ufficiale, ossia dal periodo di imposta successivo all’entrata in vigore della norma (quindi dall’1 gennaio 2020) chiunque si trasferisca in Italia, a condizione che non abbia risieduto nel nostro Paese negli ultimi due anni, sia tassato per un periodo di 5 anni solo sul 30% del compenso da lavoro dipendente e tradotto per squadre di calcio i giocatori, essendo oggetto del provvedimento il reddito da lavoro dipendente, ed essendo le società a pagare le imposte per i loro dipendenti, il risultato per i club equivarrebbe alla possibilità di offrire agli atleti ingaggi stellari con la certezza di mantenere l’effettivo costo del lavoro entro livelli molto più contenuti .

Inter: Messi in nerazzurro è stato il vecchio sogno di Moratti e Tronchetti Provera. Oggi Suning ha pian piano ricostruito l'Inter con basi solide e l'operazione Eriksen aumenta anche l'appeal internazionale della squadra. Lionel Messi sarebbe un qualcosa forse di esagerato ma come insegna la Juve può esser possibile. Prenderlo a parametro zero avrebbe anche costi inferiori all'operazione CR7 e anche per l'Inter il decreto crescita verrebbe in aiuto. Altra opzione, scambiare Messi con Lautaro Martinez tanto corteggiato dal Barcellona, con una mossa da "vincere subito e non domani" che somiglia più ai trasferimenti nelle leghe americane come Nba o Nhl. 

Messi in Italia? Era impossibile pensarlo anche per Ronaldo e invece...

Messi e Ronaldo insieme
Fonte: l'autore Francesco Fiori

DI' LA TUA

3
3 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ilario - 2 settimane

    Più City che Serie A

  2. Ilario - 2 settimane

    Anche se il bilancio e il fair play finanziario non sarebbe d’accordo

  3. Ilario - 2 settimane

    Sarebbe ora!

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.