Il calcio e i suoi stipendi che non smettono di crescere

Sono cifre da capogiro quelle che annualmente intascano i vari Messi, Cristiano Ronaldo, Neymar. Forbes li ha inseriti tra gli sportivi più pagati del 2018

di Dario D'antoni
Dario D'antoni
(18 articoli pubblicati)
Messi Cristiano Ronaldo Neymar

Davanti a certi numeri le prestazioni sul campo passano quasi in secondo piano. Far parlare di sè per lo stipendio più alto, per il maggior numero di followers sui social, per gli spot pubblicitari a cui si prestano, sembra esser diventato ciò che più conta. O perlomeno sposta il focus del discorso su un'altra questione: è giusto che gli stipendi siano arrivati così in alto? Questa impennata avrà mai fine o siamo destinati a considerare il calcio uno sport per chi vuole ostentare la propria ricchezza?

Abbiamo a che fare sicuramente con dei campioni, dei fuoriclasse con il pallone tra i piedi, ma se tra gli sportivi più pagati al mondo troviamo tre calciatori come Messi, Cristiano Ronaldo e Neymar, vuol dire che qualcosa è cambiato. Se i loro nomi sono tra i termini più cercati su Google, se le loro immagini dentro e fuori dal campo fanno il giro del mondo in poco, non stiamo più parlando di semplici calciatori ma di veri e propri marchi da copertina, quasi come se costituissero un vero e proprio brand di moda.

Così ci ritroviamo a leggere la classifica degli sportivi più pagati del 2018, stilata dalla nota ed influente rivista americana Forbes, per scoprire che Lionel Messi incassa 84 milioni di dollari dal suo club più altri 27 che provengono dagli sponsorCristiano Ronaldo che si "deve accontentare" (almeno per il momento) di 61 milioni di dollari provenienti dalle casse del Real Madrid più altri 47 derivanti da introiti pubblicitari, e l'asso brasiliano del Psg Neymar, che riceve 73 milioni di dollari dal club francese più altri 17 legati agli sponsor. Somme da far girare la testa che sfiorano o superano i 100 milioni di dollari, ovvero quasi 100 milioni di euro annui.

Classifiche e cifre che potrebbero subire ulteriori modifiche se davvero si dovesse concretizzare il tanto paventato quanto clamoroso passaggio di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid alla Juventus, notizia che rimbalza fra tutti i media sportivi spagnoli e italiani e che potrebbe subire un'accelerata nel prossimo weekend. La squadra di Agnelli, sostenuta dal gruppo di maggioranza Fca, sarebbe disposta a garantire all'asso portoghese un ingaggio monstre di 30 milioni di euro annui per i prossimi 4 anni, il che renderebbe l'attuale numero 7 di Real e Portogallo il calciatore più pagato al mondo, superando proprio il suo eterno rivale Messi.

Un trasferimento che in molti stanno già definendo "l'affare del secolo" mediato dal potentissimo agente portoghese Jorge Mendes, il quale di recente ha chiuso l'affare Cancelo con la Juve e che proprio oggi ha dichiarato a Record: "Se lasciasse i blancos, sarebbe semplicemente una nuova tappa e una nuova sfida della sua carriera straordinaria. Se se ne andrà, sarà comunque eternamente grato al club, al presidente, ai dirigenti, allo staff medico, ai dipendente della società, ai tifosi e a tutti i madridisti in giro per il mondo".

Il dibattito sulle esorbitanti cifre che ricevono i calciatori è aperto più che mai; gli equilibri sono ormai definitivamente saltati con l'ingresso nel mondo del calcio degli investitori cinesidegli sceicchi del Qatar (prossimo paese ad ospitare i Mondiali nel 2022), ma anche grazie al lavoro di procuratori come Mino Raiola che intascano commissioni record (celebri ad esempio i 20 milioni ottenuti dal Manchester United per l'acquisto di Pogba), i quali riescono a concludere affari ormai oltre la soglia dei 100 milioni di euro, strappando contratti a suon di milioni per i propri assistiti.

Un mercato dei calciatori fuori da ogni logica, che tende persino a ipervalutare giovani calciatori,  che nonostante abbiano tutto da dimostrare, sono blindati da clausole inimmaginabili fino a qualche anno fa.

Quello che tutti ci chiediamo è se questo meccanismo, pazzo e fuori controllo a mio modo di vedere, sia destinato a diventare una routine anche nei prossimi anni o se effettivamente le regole di questo fantomatico Fair Play Finanziario, tanto voluto dall'Uefa, cominceranno a valere per tutti.

Neymar al Psg
Fonte: l'autore Dario D'antoni

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.