È stato il mercato degli scontenti e dei ritorni: chi ne esce meglio?

Che movimenti di mercato hanno fatto le squadre di Serie A?

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Calciomercato

Quest’anno doveva finire prima la sessione di calciomercato invernale; poi la decisione di farla terminare il 31 Dicembre. Ce n’era davvero bisogno?

Andiamo in ordine di classifica. Da sempre la Juventus per programmazione è una squadra che non ha nulla da invidiare alle altre big europee. Il mercato invernale è un mercato di riparazione: ma cosa vuoi riparare ad una macchina così perfetta chiamata Juve? Così i bianconeri cominciano a muoversi in anticipo per il mercato di Giugno: sondano il terreno per i migliori giovani del momento e bloccano Ramsey per la prossima stagione. Poi Benatia chiede la cessione e approda all'Al Duhail. Per sostituirlo la dirigenza bianconera va sull'usato sicuro: Martin Caceres

E il Napoli? Nessuna mossa di mercato da registrare. Soltanto tanta paura per l’interesse del PSG per Allan che aveva stuzzicato non poco il centrocampista brasiliano. L’offerta però non soddisfa le richieste di De Laurentiis e Allan resta.

L’Inter risponde al colpo Ramsey della Juve bloccando Godin per Giugno. Risolve il problema causato dalle condizioni fisiche di Vrsaljko permettendo al croato di sottoporsi ad un intervento chirurgico e acquistando Cedric Soares dal Southampton. I giocatori nerazzurri sono scontenti e alcuni di loro lo dimostrano direttamente o indirettamente. Perisic è il caso più emblematico: viene corteggiato dall’Arsenal e prova in tutti i modi a fare in modo che la trattativa si chiuda positivamente, i Gunners non fanno un’offerta abbastanza convincente e Perisic resta all’Inter da separato in casa, dopo aver chiesto la cessione. Per Miranda si è parlato dell’interesse di alcuni club ma ala fine è rimasto in nerazzurro. A manifestare il malcontento di Candreva ci aveva pensato la sua compagna tramite i social. Si parlava di Cina, poi di Parma; alla fine anche lui è rimasto.

Il Milan ha stravolto il suo attacco. Higuain era da tempo col malumore, mancavano i gol e non si trovava bene . La chiamata di Sarri dal Chelsea ha smosso la dirigenza che lo ha sostituito prontamente con l’attaccante rivoluzione di questo campionato: Krzysztof Piatek. A centrocampo arriva anche il talento brasiliano Lucas Paquetá.

La Roma non si muove. La Samp permette a Manolo Gabbiadini di tornare in Serie A. L’Atalanta cede Emiliano Rigoni ma non lo sostituisce con nessuno. La Lazio acquista Romulo. A Firenze ecco un altro ritorno in Serie A: Luis Muriel va alla Fiorentina e comincia a segnare fin da subito aumentando parecchio il potenziale offensivo della Viola. Il Torino cede tre giocatori al Bologna: Soriano, Lyanco ed Edera. Il Sassuolo presta il proprio centravanti al Barcellona: no, non siamo alla Playstation. Boateng si accasa con i Blaugrana nel giro di 24 ore. Il Genoa perde il suo bomber polacco ma lo sostituisce con Sanabria. Poi modifica anche il centrocampo e qualcosina in difesa. Ad Udine c’è l’ennesimo ritorno: Stefano Okaka torna in Serie A con l’Udinese. Il Chievo cede Birsa al Cagliari e prende Lucas Piazon dal Chelsea. Il Bologna oltre ai tre del Toro, compra anche Nicola Sansone dal Villarreal (ancora un altro ritorno).

In questo valzer di attaccanti, tra giocatori scontenti ed ex della Serie A che avevano voglia di tornare a respirare aria di casa, chi si è rafforzato maggiormente? Probabilmente è presto per dare un giudizio sul mercato appena concluso. Sicuramente il Milan con Piatek e Paquetà ha ritrovato entusiasmo e gol: adesso si candida seriamente per un posto in Champions Legaue. La Fiorentina con Muriel sembra tutt’altra squadra: prima i gol scarseggiavano, soprattutto quelli degli attaccanti. Nelle ultime partite invece tantissimi gol (e anche qualche gol subito di troppo). La Juventus si è indebolita un po’ con Caceres al posto di Benatia. Scambio che comunque sembra proprio che non influirà particolarmente sull'andamento del campionato, che sembra ormai segnato. In attesa di un giudizio finale sul mercato, non ci resta che goderci le prodezze dei talenti della Serie A.

AC Milan v SSC Napoli - Coppa Italia
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.