Cinque considerazioni sull’arrivo di Godín all’Inter

Il calciomercato invernale si apre con il botto in casa Inter: secondo Gianluca Di Marzio, Godín sarebbe ad un passo dai nerazzurri per Giugno.

di Giuseppe Colicchia
Giuseppe Colicchia
(70 articoli pubblicati)
Godin

Quello invernale è un mercato di riparazione, specie se ti chiami Inter e sei costretta a sottostare ai paletti del Fair Play Finanziario per gli ultimi mesi.  I nomi che circolavano nei primi giorni di mercato in casa Inter riguardavano infatti giovani per il futuro da prendere  magari in prestito o direttamente dall'anno prossimo. Quando nessuno se lo aspettava, invece,  la società nerazzurra ha piazzato il gran colpo sul mercato (meglio aspettare sempre l'ufficialità per esserne sicuri), ovvero Diego Godin dall'Atlético Madrid. Il calciatore entrerà a fare parte della rosa da Giugno. Ecco cinque riflessioni a proposito di questo innesto di mercato:

1) PARAMETRO ZERO
Il difensore uruguaiano verrebbe a Giugno a parametro zero. Se la trattativa andasse realmente in porto sarebbe un gran colpo da parte della dirigenza nerazzurra che andrebbe così  a rispondere immediatamente all'acquisto da parte della Juventus di Ramsey, sempre a parametro zero e per Giugno. L’unico punto interrogativo riguarda l’età e l’adattamento al nostro campionato. Male che vada l’Inter lo comprerebbe a zero (non si sanno ancora i dettagli dell’ingaggio e delle commissioni per gli agenti), quindi perché non provare?

2) MURAGLIA CINESE
Diego Godín andrebbe a completare un reparto difensivo già abbastanza completo e di livello. La proprietà cinese sembra aver capito che per creare un ciclo vincente bisogna partire dalle fondamenta: dalla difesa. Dopo il primo anno un po’ sconclusionato con gli acquisti di Joao Mario e Gabigol che tanto hanno esaltato la piazza salvo poi trasformarsi di mese in mese in flop, i cinesi hanno capito cosa fare e vogliono alzare una vera e propria muraglia: prima Skriniar, poi De Vrij e Asamoah (entrambi a parametro zero) e adesso Godín (sperando di poter riscattare Vrsaljko). Attualmente Luciano Spalletti può contare su Milan Skriniar, Stefan De Vrij, Joao Miranda e Andrea Ranocchia nel ruolo di difensore centrale. Ma chi farà spazio a Godín all'interno di questo meccanismo "spallettiano"?

3) VIA MIRANDA, DENTRO GODÍN
Ad oggi pare che il centrale dell’Atletico Madrid andrebbe a prendere il posto di Miranda che ha espresso la sua volontà di essere ceduto. De Vrij è arrivato solo in questa stagione, anch'egli a parametro zero e con ogni probabilità non se ne andrà. Un discorso similare si può fare per Skriniar che è all’Inter da un anno e mezzo ed è diventato fin da subito una pedina imprescindibile nello scacchiere di Spalletti; l’Inter non ha alcuna intenzione di cederlo e sta trattando con i suoi agenti per il rinnovo. Per quanto riguarda Ranocchia il suo futuro non dipenderà dall'arrivo o meno di Godín. Andrea quest’anno non sta trovando spazio ma Spalletti lo considera un elemento importante per lo spogliatoio, una sorta di vice-capitano; se poi manifesterà anche lui la volontà di essere ceduto, l’Inter con ogni probabilità lo accontenterà (trattenere un giocatore controvoglia è una delle cose più sbagliate che si possa fare). Tornando a Miranda, anche lui ex Atletico Madrid: non si sa se andrà via già a Gennaio o aspetterà l’inizio della prossima stagione; ad oggi gli unici sondaggi per il centrale sono arrivati dalla Cina e dall'Arabia Saudita ma sono state rispedite al mittente: Joao vuole dimostrare di poter essere ancora un giocatore importante in Europa.

4) ESPERIENZA AL SERVIZIO
Il nuovo acquisto porterebbe la sua esperienza al servizio della squadra. Diego ha 32 anni e nella sua carriera ha vinto parecchio: 1 Coppa America con l’Uruguay, 1 Coppa di Spagna, 1 Campionato spagnolo, 1 Supercoppa di Spagna, 3 Supercoppa Uefa e 2 Europa League. Spiccano le sue vittorie in campo europeo raggiunte con l’Atletico: sono 57 le sue presenze in Champions League e 31 quelle in Europa League.

5) VIZIO DEL GOL
Diego Godín fa gol che spesso risultano determinanti. 5 sono i gol realizzati in Champions League in questi anni di Atletico, di cui uno in finale contro il Real Madrid ( gol di testa che aveva portato in vantaggio i "Colchoneros" ma che non basterà per vincere); 25 i gol in totale. 

Il gol di Godin in finale di Champions
Fonte: l'autore Giuseppe Colicchia

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.