Calciomercato, croce e delizia per addetti ai lavori e tifosi

Sessione invernale di calciomercato, ma comunque il calciomercato non si ferma mai.

di Marco Ferraris
Marco Ferraris
(28 articoli pubblicati)
FC Internazionale v ACF Fiorentina -Seri

Da quando ho iniziato a seguire lo sport io e soprattutto il calcio sono passati un po' di anni ma ricordo che era normalità imparare a memoria la formazione titolare della squadra del cuore, qualcuno sapeva anche i componenti della panchina, i più appassionati tipo io riuscivano a imparare a memoria quasi tutte le formazioni della Serie A e alcune anche dei vari campionati d'Europa e venivano ripetute a memoria quasi come fosse una poesia, una poesia che rifletteva la propria passione calcistica.

I giocatori erano ancora numerati da 1 a 11 per i titolari e da 12 a 16 per i componenti della panchina e a ciascun numero era accostato un ruolo, i numeri fissi erano esclusiva solo per Europei e Mondiali. Dalla stagione 1995/1996 anche in Serie A arrivano i numeri fissi per i giocatori, ogni giocatore può scegliere il suo numero preferito tra l'1 e il 99 e resterà suo per tutta la stagione e si aggiunge anche il nome del calciatore stampato sul retro della maglietta da gioco.

Le rose delle squadre si sono allargate anche perché sono aumentati gli impegni per i club e per le Nazionali e quindi ci devono essere gli adeguati ricambi per far fronte agli impegni, cercando di raggiungere gli obbiettivi che le società hanno dato ad inizio stagione. A seguito di ciò snocciolare una formazione a memoria come si faceva una volta è praticamente impossibile perché giocando spesso ogni tre giorni gli allenatori sono obbligati a ricorrere al turn-over e quindi i titolari cambiano spesso, senza contare i giocatori della squadra Primavera più talentuosi che vengono aggregati alla Prima squadra e portati in panchina in caso di emergenze o di partite in cui il turn-over è più che ampio.

Il calciomercato era meno invasivo di adesso, durava meno sia la sessione estiva che quella invernale, ora invece la sessione estiva dura due mesi pieni, quella invernale o "di riparazione" dura un mese ma anche durante l'anno e durante i campionati e le coppe si continua a parlare dei possibili scenari che si possono proporre nella sessione di mercato seguente. A me personalmente appassiona tantissimo il calciomercato, seguire in tv, giornali e app le varie trattative che al caso cambiano repentinamente e gli scenari possono mutare completamente in pochi minuti sia in positivo che in negativo. Per gli addetti ai lavori, dirigenti o calciatori che siano, senza dimenticare procuratori e intermediari non sono giorni troppo tranquilli, ritmi vertiginosi specie in quello estivo, trattative continue alla ricerca del colpo perfetto che può far svoltare una squadra, una stagione o una carriera.

I calciatori che fino al giorno prima si sono allenati con una squadra si possono trovare da un giorno all'altro in un'altra squadra, naturalmente sempre il trasferimento sia accettato proprio dal giocatore. I procuratori devono essere attenti ad accontentare i propri assistiti, i dirigenti delle squadre devono cercare di accontentare giocatori in entrata, in uscita e tenere in ordine i conti della società cercando comunque di creare un team competitivo senza creare tensioni che il mercato può creare. 

E poi ci sono i tifosi che trepidano per le trattative della propria squadra, tra un campione acquistato che può far aumentare la competitività della formazione e magari portare a casa qualche trofeo e la cessione di un giocatore che non ha reso come previsto o che non è mai piaciuto ed è sempre stato contestato per le sue prestazioni in campo e restano sempre informati perché è la passione che li spinge a farlo.

Poi ci sono quelli come me che sono appassionati e cercano di seguire tutto, di tutte le squadre giusto per l'interesse e l'emozione che il calciomercato crea.

Il calciomercato crea grandi emozioni e aspettative per chiunque lo segue, qualunque sia il suo ruolo e diventa croce e delizia in base a ciò che accade durante le varie sessioni, però piace ed è bello che esista con le sessioni estive, invernali e che durante la stagione se ne parli perché il calciomercato non si ferma mai.

Fonte: l'autore Marco Ferraris

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.