Sarà il Pallone d’Oro che sancirà la fine del dominio Messi-CR7?

La sfida tra CR7 e Messi si ripropone come ogni anno, con qualche gustosa sorpresa intorno

di Antonio Salvati
Antonio Salvati
(78 articoli pubblicati)
Antoine Griezmann

Sarò una voce fuori dal coro, ma per me il Pallone d'Oro è un trofeo, nei modi in cui viene assegnato, abbastanza inutile e talvolta "bugiardo". Non dico non sia un trofeo prestigioso, questo no (rappresenta comunque la massima espressione calcistica di trofeo a titolo individuale in uno sport di squadra), ma la storia di questo trofeo mi ha insegnato che non sempre è stato vinto da chi effettivamente avrebbe meritato.

Ma, come si fa a stabilire chi merita di vincere il Pallone d'Oro? In realtà non esistono criteri di valutazione ma, di fatto, è un trofeo appannaggio soprattutto degli attaccanti o a calciatori di grandi propensioni offensive, sicuramente più "visibili", per talento e richiamo pubblicitario rispetto ad altri colleghi, altrettanto bravi, ma penalizzati dal fatto di giocare un po' più lontani dalla porta avversaria.

Ogni quattro anni, però, il Mondiale aiuta a rompere gli equilibri, ai fini dell'assegnazione di questo trofeo che, di solito, alla fine dei tornei nazionali e continentali appare già scontata. Ricordo il 2006 e la vittoria di Cannavaro, quella di Rossi nel 1982, di Ronaldo nel 2002, appena rientrato da un gravissimo infortunio al ginocchio, l'exploit di Zidane nel 1998 e Stoitchkov nel 1994; vincitori di questo trofeo legati a triplo filo alle fortune "Mondiali".

E dunque, da questo Mondiale appena conclusosi, è lecito aspettarsi un'altra sorpresa, capace di spezzare dopo un decennio il duopolio tirannico di Messi e Ronaldo? Prima di Russia 2018, tutti avrebbero pensato (e forse ancora pensano) ad un altro trionfo di CR7, fresco sposo della Signora, che porta in dote una Champions League ed, in particolare, proprio la straordinaria partita dello Stadium, ove fu protagonista di una delle sue più grandi prestazioni, mettendo a segno una doppietta epocale. Ma, è abbastanza per vincere il suo sesto trofeo, il suo terzo consecutivo?

Mi permetto di avere qualche remora a riguardo. In primis, proprio in virtù dell'anno solare dello stesso CR7: vero che ha vinto la Champions League, ma il finale di stagione è stato abbastanza in calando ed il Mondiale stesso, sebbene condito da quattro gol, non è stato entusiasmante. Magari inizierà alla grandissima la prossima stagione con la Juventus, ma credo che i giochi per l'assegnazione del Pallone d'Oro si facciano, occhi e croce, dopo il Mondiale. Ecco, trovo ingiusto anche assegnare il trofeo alla fine dell'anno "solare"; sarebbe meglio al termine dell'anno "stagionale" ed assegnarlo a Settembre, ma questo è un altro discorso.

Considero fuori dai giochi Messi, nonostante porti con se la dote di una Liga, una Coppa del Re, il titolo di "pichichi" ed anche la Scarpa d'Oro. Ma il Mondiale disastroso costituisce un enorme handicap di cui non si può non tener conto, soprattutto quando parliamo di Messi e, in tal senso, di recidiva. Nel 2010 Leo vinse il trofeo, nonostante un mondiale assolutamente incolore e dubito che, quest'anno, possa ripetere il "miracolo".

Metterei, dunque, in cima alla mia lista ed alla base dei trofei conquistati, per talento e popolarità, Antoine Griezmann, attaccante giovane ma già carico di esperienza. Per lui il Mondiale e l'Europa League vinta con l'Atletico Madrid potrebbero costituire un vantaggio forse incolmabile per gli avversari. Che potrebbero essere Mbappe Lottin, anche lui forte di un Mondiale vinto oltre che al "triplete" francese (Ligue1, Coppa di Francia e Coppa di Lega). Tanta roba.

Un posticino se lo meriterebbe anche Varane che, nel suo "piccolo", può vantare Champions League e Mondiale. Se non fosse un difensore centrale, potrebbe davvero essere un potenziale vincitore. E sul podio potrebbe finire anche Modric, anche lui pluridecorato campione d'Europa con il Real e vice campione del Mondo con la Croazia. Neanche qui si scherza, anzi ce ne sarebbe abbastanza per far scendere i mostri sacri Messi e CR7 non solo dal gradino più alto del podio, ma addirittura dal podio stesso, e sarebbe davvero incredibile, dopo dieci anni di dominio.      

Fonte: l'autore Antonio Salvati

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.