Premier: ecco come Guardiola può migliorare questo City

Nonostante i Citizens abbiano dominato la Premier, la "Pep Revolution" a Manchester non é ancora finita.

di Marco Ghilotti
Marco Ghilotti
(48 articoli pubblicati)
Tottenham Hotspur v Manchester City - Premier League

"Mind The Gap" é un espressione che con il calcio ha poco a che vedere. Viene utilizzata quasi esclusivamente nelle ferrovie o nelle metro, soprattutto londinesi, per ricordare ai passeggeri di fare attenzione al divario che c'é tra la banchina e le porte del treno. 

Da ieri, tuttavia, il termine ha assunto anche uno strano connotato calcistico che se non si lega ad un preciso contesto, é un riferimento che pare giustamente fuori luogo. Tuttavia, se volete capirci di più, vi basta chiedere spiegazioni ai tifosi del Manchester City, i quali ieri hanno mostrato uno striscione che ritraeva Pep Guardiola in versione James Bond, con il titolo "Mind The Gap". Lo hanno fatto come se volessero paragonare l'enorme distanza in metro al tanto notevole distacco che la loro squadra aveva accumulato sui cugini rivali, quei 16 punti che i "Citizens" si sono guadagnati dopo una stagione fantastica. 

Un anno magistrale per la corazzata guidata dal coach catalano, che dopo le difficoltà incontrate lo scorso anno ha saputo scegliere i giocatori più adatti alla sua filosofia di calcio ed é riuscito a trionfare con largo anticipo. Il City, che potrebbe battere il record di 95 punti del Chelsea 2004-2005, ha vinto l'84,84% dei match, aprendosi automaticamente la strada verso la gloria nazionale. 

Ciononostante, nella zona blu di Manchester non sembrano ancora del tutto appagati, e questo sentimento é comprensibile, perché da una squadra del genere ci si aspetta sempre che possa vincere tutti i titoli a disposizione. Il primo a chiedere rinforzi sarà probabilmente Guardiola stesso. Vediamo quindi come Pep può rendere più stabile e migliorare allo stesso tempo questo super team, una rosa senza apparenti punti deboli. 

1. Tenere Agüero

39 partite, 30 gol, fino ad ora. Questo é il bottino personale di Sergio "Kun" Agüero, uno che con i gol é nato e tutt'ora ci vive. Un vero bomber da area di rigore, nonostante la sua statura sembri non dimostrarlo. Sottovalutato da pochi, temuto da parecchi, sognato da molti, tra cui anche la Juventus. Un tassello così importante per la squadra va tenuto a tutti i costi,soprattutto l'anno prossimo, quando per puntare al grande bottino, serviranno più energie possibili. E a quelle di uno come lui, credo che nessuno voglia rinunciare. Perché é difficile trovare un calciatore con il suo tocco, la sua rapidità e la sua freddezza sotto porta. Pep ce l'ha e non deve farselo sfuggire, per nulla al mondo. 

2. Rinforzare il centrocampo

Fernandinho 33, Silva 32, Yaya Touré 33. Quello che con Pellegrini era il trio di centrocampo di un City che ancora poteva contare sulla forza fisica di Edin Dzeko, rappresenta, contemporaneamente una piacevole opportunità e un pericolo da evitare come una qualsiasi malattia. Da un lato c'é la bellezza del calcio che questi tre ragazzi esprimono quando hanno il pallone tra i piedi. Silva soprattutto, mago del football e inventore di traiettorie che noi umani difficilmente riusciamo a comprendere, ma anche Fernandinho, anima del centrocampo "skyblue". Il pericolo é che con l'avanzare dell'età rendano meno del dovuto. Perciò servono cambi all'altezza: in questo caso la cifra spesa, se preceduta da valutazioni oculate, potrà rivelarsi irrisoria in un vicino futuro. 

3. Acquistare un rimpiazzo per Kompany

L'ultimo tassello per rendere tutto perfetto é trovare un sostituto ideale per il capitano Komapny, che nonostante sia ancora un baluardo difensivo, non può più essere considerato giovanissimo. Trovare un adeguato rimpiazzo é il primo step per congedare gradualmente il belga. Con tutti gli onori del caso, prima o poi, anche una leggenda deve saper dire stop. E Pep, quando accadrà, non vuole trovarsi impreparato. 

C'è un famoso detto nostrano che dice "non c'é due senza tre". Guardiola, che in Italia ha passato anni piacevoli secondo quanto lui stesso afferma, potrebbe averlo sentito. Farlo suo e metterlo in pratica potrebbe essere la chiave di volta per i suoi prossimi successi europei. 

Fonte: l'autore Marco Ghilotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.