Luka Modric, quando il calcio è poesia tecnica mista a sudore

Anche ieri sera con la Russia, una spanna sopra tutti il giocatore del Real ormai vicinissimo al suo primo Pallone d'Oro

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(404 articoli pubblicati)
Real Madrid Press Conference

Nel mondiale dei  fuoriclasse della simulazione (Neymar e Mpabbè) e della delusione (Ronaldo e Messi fuori prestissimo per colpa delle loro modestissime nazionali), l'eccezione che conferma la regola è Luka Modric, straordinario talento ormai trentatreenne, che brillando di luce propria ha guidato la Croazia alle semifinali nei mondiali di calcio. Risultato storico, che fa il paio con quello del 1998 in Francia (eliminata in semifinale una delle formazioni più talentuose di sempre con  Suker, Boban e tanti campioni), e che sembra addirittura migliorabile dalla squadra di Dalic.

Nel torneo  attuale, sono venute meno tutte le gerarchie mondiali conosciute: Italia (lo sappiamo bene...) e Olanda fuori nelle qualificazioni, Germania (mai successo) al primo turno, Argentina agli ottavi con la Spagna. Sono avanzate forze nuove, o vecchie tradizioni (come Inghilterra e Francia) si sono riproposte ad altissimi livelli. La Croazia, da sempre formidabile coacervo di talenti  discontinui e bizzosi,  sembrava la solita outsider pronta a sciogliersi come la neve al sole alla prima difficoltà. Ma questa volta aveva un Luka Modric che questo mondiale, e si è visto nettamente con la prestazione mostruosa di ieri sera contro la Russia, vuole vincerlo!

Un leader per 120 minuti, che ha corso per tutti e che fino al fischio finale dell'arbitro sembrava freschissimo. La mentalità costruita negli ultimi anni a Madrid, ha portato il giocatore a una enorme considerazione di se stesso: chiama palla, fa girare a suo piacimento la squadra, imposta, tira e se si è in difficoltà si prende le sue responsabilità. Il rigore fallito al 119' con la Danimarca, decisivo ai fini della vittoria, poteva uccidere un toro ma il regista di Zara si è ripreso e nella lotteria dei rigori ha poi realizzato un a rete decisiva. Negli occhi di tutti poi la prestazione con l'Argentina, santificata dal raddoppio con un tiro da 30 metri a pochi minuti dal termine.

Insomma Modric sembra essere (come accadde a Cannavaro e altri  campioni protagonisti del mondiale) toccato dal Dio del calcio e vuole vincere, dopo avere collezionato Champions League come se piovesse, questa Coppa del Mondo! Il regista del Real Madrid è ormai l'ultimo esemplare della specie di campioni alla Pirlo. Regista tecnico e moderno, abile in interdizione e nella impostazione, fa sentire la sua presenza in mezzo al campo muovendo la sua squadra come uno spartito eseguito da una orchestra perfetta. Un possesso palla mai banale il suo , mai sterile (come invece lo è quello della Spagna), mai fine a se stesso. Una presenza forte, nonostante il fisico non sembri quello di un corazziere, in mezzo al campo. Luka Modric è un campione sensazionale che al suo ultimo mondiale sta scrivendo le pagine di una Leggenda pronta a chiudere col botto.

Nel corso della sua carriera ha vestito le maglie di  Dinamo Zagabria, Tottenham Hotspurs (dopo un avvio difficile è esploso con Redknapp)   e la camiseta blanca del Real Madrid, vincendo tre  titoli  consecutivi (2006, 2007, 2008) e  due  Coppe di Croazia (2007, 2008), una  Supercoppa Croata(2006), due  Supercoppe di Spagna (2012, 2017), una Copa del  Rey   (2014), una Liga(2017), quattro  Champions  (2014, 2016, 2017, 2018), tre  Uefa Supercup (2014, 2016, 2017) e tre  Mondiali per club Fifa  (2014, 2016, 2017).

A livello personale è stato nominato cinque volte calciatore croato dell'anno (2007, 2008, 2011, 2014, 2016), una volta miglior giocatore della Coppa del mondo per club FIFA (2017) e una volta  miglior centrocampista della Coppa dei  Campioni (2017). Inoltre ha fatto parte della squadra della stagione della UEFA Champions League in 3 occasioni (2013-2014, 2015-2016, 2016-2017). Dal 2006 è parte integrante della nazionale della Croazia, con la quale ha partecipato a tre  Coppe del Mondo  (2006, 2014 e 2018)  e a tre  Campionati d'Europa (2008, 2012, 2016). E' adesso è pronto a scrivere la pagina più importante della sua carriera: vincere il Mondiale!

Croatia v Denmark Round of 16 - 2018 FIF
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. adamore - 3 anni

    Modric è davvero un giocatore eccezionale, io l’adoro. Colgo l’occasione per farti i complimenti per l’articolo scritto molto bene. Bravo!

    1. Alan Paul Panassiti - 3 anni

      ti ringrazio

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.