La Crazy Gang che conquistò la leggenda

Trent'anni sono passati da quando l'Wimbledon F.C. fu capace di vincere la FA Cup ai danni del Liverpool

di Leandro Malatesta
Leandro Malatesta
(128 articoli pubblicati)
Wimbledon 1988 FA Cup Winners Open Top B

Dicendo Wimbledon la prima associazione mentale va al Tennis. Ma spulciando tra le pieghe della storia sportiva (calcistica in questo caso) Wimbledon vuol dire anche altro.

Sono trascorsi esattamente trent'anni da quel 1988 in cui l'Wimbledon F.C. vinse l'FA Cup battendo in finale il Liverpool dei vari Grobbelar, Houghton, Barnes solo per citarne alcuni. Partita vinta dai gialloblu per 1 a 0 grazie al goal di Lawrie Sanchez.

Per capire meglio le proporzioni di quell'impresa va subito detto che la squadra del sobborgo londinese dopo essere stata fondata nel 1889 fu capace di raggiungere la massima serie inglese soltanto nel 1986, e solo due anni dopo questo underdog entrerà nella storia del calcio. Ma questa non è una semplice storia in cui Davide sconfisse Golia, qui c'è molto di più. 

La compagine guidata dal tecnico Bobby Gould ha rappresentato la classica mina vagante composta da calciatori dallo stile di certo poco british fino al punto di essere nominata come la Crazy Gang. Lo stadio di Plough Lane era capace di trasformarsi in un vero e proprio girone dantesco. Le squadre avversarie venivano accolte con radio gracchianti sparate a tutto volume, spogliatoi ospiti con bagni e docce fuori uso.  Il presidente di questa specie di Sturmtruppen di sua Maestà era l'imprenditore libanese Sam Hammam. Figura dirompente capace di insultare pubblicamente i propri giocatori senza troppi giri di parole (ad esempio come quando definì il capitano Vinnie Jones "uomo col cervello da zanzara") ma capace anche di ricompense tanto originali quanto stravaganti come quando promise una Ferrari ed un cammello all'attaccante Holdsworth se fosse stato in grado di segnare venti reti in stagione. Ma per tornare al terreno di gioco quella Crazy Gang fu certo degna di quell'appellativo grazie a tipi come i due centrali di difesa Young e Thorn fino ad arrivare al tysoniano Dennis Wise che in un match europeo morse un avversario. Di Vinnie Jones si è già detto per la descrizione fatta dal proprio presidente ma il temperamento a dir poco ruvido non è semplice da descrivere a parole, basti pensare all'episodio in cui Jones si distinse per aver dato una strizzattina poco amichevole alle zone basse di niente di meno che Paul Gascoigne. Vinnie Jones vide sventolare di fronte al proprio viso il cartellino rosso per ben dodici volte in carriera, tale curriculum gli ha permesso di ritagliarsi un futuro da attore cinematografico nel ruolo del duro. 

Altro elemento che fece coniare al commentatore della BBC il nomignolo di Crazy Gang fu John Fashanu (fratello di Justin) personaggio anch'esso dal carattere esplosivo e che amava indossare l'abito elegante in ogni occasione, anche prima degli allenamenti e che dopo il ritiro si è cimentato in diversi reality show televisivi. 

Questo è il quadro di una realtà (forse) irripetibile per via di un insieme di fattori difficili da ricomporre. 

Nel corso degli anni a venire la società Wimbledon non è più stata in grado di riprodurre le gesta della Crazy Gang e nei primi anni duemila essa conobbe anche le miserie del fallimento economico. Con la rinascita avvenuta prima sotto il nome di Milton Keynes Dons per poi nel 2010 prendere il nome definitivo di AFC Wimbledon. 

Ciò che però non potrà mai essere mutuato dalla Crazy Gang è però quella follia deflagrante che come disse Bertrand Russell "è molto più interessante dell'equilibrio".

Wimbledon 1988 FA Cup Winners
Fonte: l'autore Leandro Malatesta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.