Il resoconto della seconda giornata di Coppa d’Asia (gruppi C-D)

Vittoria e qualificazione per Cina, Corea del Sud, Iran e Iraq; per le altre squadre resta la speranza del ripescaggio

di Stefano Boffa
Stefano Boffa
(137 articoli pubblicati)
Korea Republic v Australia - 2015 Asian

GRUPPO C

FILIPPINE-CINA: Un match quello andato in scena ad Abu Dhabi dal sapore di Serie A anni '90 in panchina, con Sven-Goran Eriksson da una parte e Marcello Lippi dell'altra che si affrontano per cercare punti pesanti per la qualificazione agli ottavi di finale di Coppa d'Asia. La Cina di Lippi doveva fornire delle risposte importanti dopo la pessima prestazione, ma vittoriosa, con il Kyrgyzstan, mentre le Filippine avevano l'obbligo di fare punti dopo la sconfitta di misura con la Corea del Sud. Alla fine, non c'è mai stata partita: troppo forti i Dragoni per gli ingenui Tri-Stars, i quali hanno dato l'anima in campo, ma alla fine la superiorità tecnica e fisica dei cinesi si è fatta sentire, oltre alla maggiore esperienza internazionale. La partita la sblocca Wu Lei al 40' con una splendida conclusione a giro dal limite dell'area che non lascia scampo a Falksgaard. Le Filippine rischiano subito di pareggiare con una conclusione volante dalla distanza di Ingreso che costringe Yan Junling agli straordinari, ma nella ripresa, al 66', Wu Lei firma la sua doppietta personale grazie ad una splendida volée in area di rigore su azione da calcio d'angolo. Falksgaard prova in tutti i modi, con le sue parate, a tenere in vita i suoi, ma alla fine deve capitolare per una terza e ultima volta a causa della firma di Yu Dabao al 80', bravo a ribadire in rete di testa un pallone vagante nell'area piccola. 0-3 e Cina qualificata agli ottavi; per le Filippine si fa molto dura.

 KYRGYZSTAN-COREA DEL SUD: Missione compiuta anche per la Corea del Sud di Paulo Bento che, ad Al Ain, piega per 1-0 la resistenza stoica di un Kyrgyzstan generoso, ma fin troppo debole per poter impensierire le Tigri Asiatiche. La gara è stata condotta dall'inizio alla fine dai ben più quotati sudcoreani, che hanno creato occasioni in serie per tutta la partita, senza però mai trovare il colpo che avrebbe chiuso i giochi in largo anticipo, andando più volte a sbattere non solo contro le parate dell'esordiente portiere kirghiso Kadyrbekov (che ha sostituito in maniera egregia il pessimo Matyash, facendo aumentare i rimpianti ai suoi, ricordando la sfortunata partita con la Cina), ma anche contro tre traverse clamorose e contro l'imprecisione di Lee Chung-Yong, il quale, sullo 0-0, si era divorato un gol a porta vuota a due passi dalla linea di porta. Anche il Kyrgyzstan ha potuto recriminare per una clamorosa occasione mancata da Sagynbaev (un rigore in movimento calciato addosso al portiere) e per un probabile calcio di rigore non assegnato per un fallo di mano in area sull'1-0. Alla fine, il colpo di testa vincente di Kim Min-jae al 41' è bastato e avanzato alla Corea del Sud per staccare il pass per gli ottavi di finali e, in vista di essi, avrà un Son in più.

GRUPPO D

VIETNAM-IRAN: Tutto facile anche per l'Iran contro il Vietnam in quel di Abu Dhabi. La resistenza degli indocinesi è stata piegata grazie ad un 2-0 senza storia che ha proiettato il Team Mellì agli ottavi di finale. L'Iran sblocca la partita al 38' con Azmoun, bravo a schiacciare di testa in rete il cross al bacio dalla destra di Ghoddos. Dopo aver rischiato di subire il pareggio vietnamita in avvio di ripresa (decisivo Beiranvand su Nguyen Cong Phuong), al 69' Azmoun firma la sua doppietta personale con un siluro mancino dal limite dell'area che s'insacca all'angolino che spegne così le speranze di rimonta dei Dragoni Dorati.

YEMEN-IRAQ: Vittoria ottenuta sul velluto anche dall'Iraq che, a Sharjah, si assicura la qualificazione agli ottavi di finale battendo per 3-0 il debole Yemen. La partita si sblocca già al 10' grazie al bolide dal limite dell'area di Mohanad Ali, bravo anche nel recuperare palla ai distratti difensori yemeniti; poi è Resan al 19' a trovare il secondo gol con un tiro da fuori area deviato in maniera decisiva da un difensore; infine, al 91', il sigillo definitivo è quello di Abbas, che gira in rete con il mancino la sponda vincente di Yasin

Fonte: l'autore Stefano Boffa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.