Buffon e la Champions: “vorrei essere libero di esultare pazzamente!”

Parla il portiere ex Juventus, felice per la fascia a Chiellini, che preferirebbe giocare contro gli ex compagni prima della finale per ovvi motivi...

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(299 articoli pubblicati)
Juventus v Hellas Verona FC - Serie A

 L’ex portiere della Juventus, ora al Paris Saint-Germain, ha concesso una lunga intervista al Corriere della Sera: “Cosa rispondo a chi dice che continuo a giocare per i soldi? Un po’ di invidia c’è sempre ed è anche umana, ma la prima regola è quella di non lasciarsi condizionare da giudizi e idee altrui. Non prostituirò mai i miei ideali e i miei sogni per il denaro. Altrimenti lo avrei fatto ben prima. Il denaro è importante, è un mezzo per vivere meglio. Ma non sono venale”.

 “Avranno pensato che ero un folle o un monumento a cui mancano solo i piccioni addosso. Ma il mio entusiasmo mi rende giovane e se voglio continuare ancora non mi posso rapportare come un vecchio Papa. A volte sono più “stupido” di chi ha vent'anni e nessuno si accorge della mia età. La chiamata del club? Un grande orgoglio, perché a una certa età tutti sono considerati cotti e ricevere la proposta di una società così è la vera soddisfazione della vita: ho dato il massimo sempre, sono certo di essermi comportato bene e la vita mi ha premiato con questo bonus. È una felicità grande, che ti dà fiducia. Io a Areola? Con questa differenza di età e prospettive non c’è dualismo, ma una sinergia e anche un’amicizia. Areola è eccezionale e di una bontà infinita che mi scioglie: quando gioca lui sono felice e sono qui anche per aiutarlo a diventare un riferimento per la Francia e in Europa”.

In  Francia?:   “L’accoglienza è stata straordinaria. La gente per strada mi ringrazia e per me a 40 anni è incredibile: esiste una parte di mondo che ti considera ancora importante, come un valore aggiunto”.

L'argomento Champions League:    “Solo a fine carriera vi dirò cosa è stata la Champions per me. Detto questo, non sono venuto qui per vincerla, perché altrimenti non avrei capito niente. Ma spero di portare qualcosa in più e ho l’ambizione di migliorare quello che è stato fatto fin qui. Sarebbe importante".

E la sua ex squadra, la Juve?  “Sfidarli prima della finale sarebbe meno doloroso? Sì. Anche bello e strano. Ma tornerei nel mio stadio, tra i miei tifosi, con cui mi sono lasciato in maniera commovente. Una rimpatriata. Mentre in finale la gestione del dopo partita sarebbe complicata: vorrei avere la libertà di esultare pazzamente in caso di vittoria”.

Neymar e Mbappè suoi nuovi compagni:Se la vita è stata benevola nei tuoi confronti e ti ha dato qualità fuori dal comune, non ti devi accontentare di essere uno dei tanti, ma il numero uno. Non so se sia fuoco, ambizione o amor proprio. So che non mi va di sprecare tempo, perché nulla è impossibile nello sport: dico a Ney che è uno scandalo che non abbia ancora vinto il Pallone d’oro e che dovrebbe essere furioso. Lui e Kylian hanno un talento spropositato e possono dominare dieci anni. Ma tutto deve partire dalla loro testa e dalla loro voglia”.

Mourinho e gli ex compagni:  “Più facile senza Mourinho? Può essere, ma non per il valore dell’allenatore quanto per la situazione ambientale che si era creata. Uno come Pogba ad esempio deve dimostrare qualcosa. Credo che sarà una sfida più complicata di quanto sembri adesso

E la nazionale? : "L'Italia in buone mani con Mancini ct, Chiellini capitano e Donnarumma in porta? Sì. Mancini sa qual è la strada migliore da intraprendere, mentre il presidente federale non lo conosco. Sono strafelice che Chiello abbia ereditato la mia fascia sia alla Juve sia in Nazionale perché è un uomo e un giocatore che merita questo tipo di responsabilità.

 Sulla Juve e CR7: - “Ho giocato con tanti campioni e per misurarmi avrei voluto giocare con tutti, anche con lui .  La mia mancanza si sente alla Juve? Non penso, perché è una società che programma tutto così bene che difficilmente sbaglia i momenti delle scelte. È diventata una macchina da guerra anche per questo. È la più forte in Europa? È sicuramente tra le grandi pretendenti. Ma non sempre vincono i più forti. Soprattutto in un torneo più corto a volte vincono i più bravi”.

SSC Napoli v Paris Saint-Germain - UEFA
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.