Calciatori ricchi e straricchi. Il pallone è malato: ma la cura?

I calciatori (famosi) diventano sempre più ricchi in un contesto economico squilibrato, ma cosa succederebbe se guadagnassero meno o non guadagnassero affatto?

di Mario Cardone
Mario Cardone
(7 articoli pubblicati)
Cristiano Ronaldo

Se Messi guadagnasse cento euro al minuto (e non 181, attenzione), se acquistasse una casa in meno a Los Angeles, per esempio. Se Ronaldo non avesse un jet privato e Neymar non potesse permettersi un parco macchine da tot milioni. Se Balotelli non avesse mai girato con 35.000 euro tutti stropicciati nel portabagagli, la sera che lo fermò la polizia, chiedendogli conto e ragione. Se il Billionaire fosse pieno di medici e vuoto di stelle del calcio. Se Maradona non avesse mai assaggiato il Don Perignon. Se Cassano fosse rimasto a Bari e Ribery non avesse mai pagato 5000 euro per trascorrere una notte con quella bambola di plastica. Se Icardi non avesse una barca (ce l'ha? Cosa aspetta?).

Se Messi guadagnasse cento euro al giorno, più cinquanta euro per ogni gol segnato in casa e settantacinque in trasferta, se Messi avesse soltanto un quattro vani a Barcellona vent'anni di mutuo davanti agli occhi. Se Lukaku raggiungesse Old Trafford in metropolitana, anzi, se non avesse mai lasciato il Belgio. Se tra un secolo Zidane morisse povero, come Garrincha. Se ogni infortunato facesse la fila al Policlinico, anziché essere ricevuto immediatamente dai migliori dottori del mondo. Se Insigne si rompesse e carriera finita, se tornasse nel quartiere da dove è venuto e facesse l'elettricista.

Se tutte queste cose si avverassero e ci fosse un tetto per gli ingaggi, se fossero previsti stipendi 'normali' per chi gioca a calcio o a basket, ci sentiremmo più soddisfatti delle nostre esistenze? Scomparirebbe la povertà dall'Africa o da qualunque altro posto della Terra? Noi ci chiediamo 'è giusto?', ma di quale giustizia staremmo mai parlando? Se Messi non guadagnasse tutti questi soldi, chi è che li incasserebbe al suo posto? Perché se i calciatori li guadagnano, vuol dire che il calcio, come macchina, li produce. Se ci sono, si tratta solo di distribuirli. E quindi, perché non a Messi?

Andiamo più a fondo: se spegnessimo la televisione per sempre e decadesse ogni profitto. Se crepasse di fame lo Spettacolo, una volta per tutte. Se il calcio fosse soltanto quello al parco, quello allo stadio, quello dietro l'angolo. Se fosse solo un gioco e ce ne riappropriassimo e fosse nostro nella misura in cui lo pratichiamo e non ci fossero più miti da venerare o articoli da scrivere in centomila tutti sullo stesso argomento (e tutti paurosamente banali). Se restassimo in silenzio cinque minuti e la smettessimo di calcolare e di immedesimarci in personaggi che non siamo e di invischiarci in storie che non ci riguardano. Se tutte queste cose si avverassero e si dissolvesse 'la massa', domani, saremmo in grado di tornare a vivere le nostre vite? Che bello sarebbe, ma seriamente: se dopo tutti questi anni, in cui ci siamo intossicati riempendoci le stanze di poster, programmando pellegrinaggi in terre sante del pallone che sono diventati in alcuni casi scopi di vita, proiettando sullo schermo le nostre insicurezze, se dopo tutti questi anni ritornassimo ai tempi del borgo – perché di questo si tratta – d'un tratto: cosa succederebbe per davvero, a
noi che chiediamo giustizia?

Non vogliamo dirlo, ma lo sappiamo. Per le strade vedremmo orde di tossici e ciascun tossico che schiuma per vedere un'altra immagine, adorare un altro mito. Un delirio totale, da strapparsi i capelli e vomitare sui marciapiedi, fino all'insostenibile quiete delle nostro leggerissimo essere: fino alla redenzione.  

Fonte: l'autore Mario Cardone

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.